Fnomceo: siamo medici di tutti


"Il medico è deve essere il segno e il simbolo concreto di accoglienza, solidarietà, vicinanza e risposta ai bisogni". Per gli immigrati, come per tutti gli altri cittadini. "

Deve essere questo, altrimenti si creano cortocircuiti che mettono a rischio la vita delle persone e non fanno onore ai grandi valori su cui si basa la professione".

A dirlo è il presidente della Federazione degli Ordini dei medici (Fnomceo) Amedeo Bianco commentando la vicenda della donna di origine marocchina, morta a Mantova e vegliata dalla figlia di 5 anni, che non si era rivolta al medico per paura di perdere il lavoro.

La vicenda della donna, che ha continuato a lavorare nonostante malesseri accusati, anche se non si conoscono i motivi per i quali ha rinunciato a curarsi, "deve far riflettere sulla necessità - spiega Bianco all'ADNKRONOS SALUTE - di evitare che i medici e le strutture sanitarie abbiano un ruolo fiscale o addirittura repressivo.

Abbiamo sempre visto la diffusione di idee del genere come un pericolo perché possono portare a evitare le cure con un rischio sia per la salute individuale che collettiva". Bisogna evitare, quindi, tutte quelle norme e normative che vorrebbero fare del medico un burocrate sotto l'aspetto fiscale e repressivo.

E "serve anche una giusta comunicazione su quale deve essere il ruolo del medico", aggiunge Bianco. Comunicazione che probabilmente ha funzionato per quanto riguarda la non obbligatorietà di denuncia da parte dei sanitari del reato di clandestinità.

"Non si sono registrati infatti cali di richieste a medici e pronto soccorso da parte di irregolari", dice Bianco, ma la vicenda di Mantova mette l'accento sulla necessità di fare molta attenzione a temi che potrebbero incrinare la fiducia verso il sistema sanitario e i suoi rappresentanti.

"E' terribile che in un Paese civile come il nostro, nel 2010 ci siano ancora persone che non si rivolgono a un medico o a una struttura sanitaria per paura. Se così è, abbiamo molti passi avanti, in termini di civiltà, da fare. E' inconcepibile", conclude Bianco.

Pagina pubblicata il 11 gennaio 2010

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti