L'aborto per posta permette un miglior accesso, ma permangono le questioni politiche

Quando questa estate arrivarono le pillole abortive nella sua cassetta della posta, lei si sentì ansiosa, ma allo stesso tempo tranquilla all'idea che avrebbe potuto metter fine alla sua gravidanza nella privacy della propria casa.

Pillola abortiva per posta

"Ero contenta del fatto che sarei stata in grado di farlo da me, senza avere infermieri o medici di fronte a giudicarmi", ha detto, chiedendo di essere identificata soltanto con il suo secondo nome, Marie, non volendo che persone estranee ai suoi parenti stretti venissero a conoscenza della sua interruzione di gravidanza.

Marie fa parte di un esiguo ma molto strettamente sorvegliato gruppo di ricerca per determinare se gli aborti chimici – quelli cioè indotti farmacologicamente invece che attraverso un intervento chirurgico – possano essere effettuati in modo sicuro attraverso una consulenza on-line con un medico e con farmaci spediti per posta a casa della donna.

Dal momento che l'accesso all'aborto è limitato su più fronti, i sostenitori affermano che il poter interrompere una gravidanza attraverso la telemedicina e farmaci ordinati per posta rappresenti una innovativa possibilità per le donne. I contrari all'aborto trovano invece il concetto pericoloso e profondamente inquietante.

Pubblicità


L'idea si basa sulla tendenza ad aiutare le donne nel facilitare il controllo delle nascite. Un numero crescente di applicazioni per smartphone e siti web ora consente di ottenere la prescrizione di contraccettivi senza recarsi dal medico. La vendita delle pillole ricevute da Marie e dalle altre donne attraverso lo studio non è ammessa nelle farmacie e di solito sono disponibili solo presso gli ospedali e le cliniche abortiste.

L'Australia e la provincia canadese della British Columbia permettono alle donne di procurarsi la pillola abortiva per posta dopo aver consultato un medico o un altro operatore sanitario via telefono o tramite Internet. Diverse organizzazioni internazionali offrono servizio di posta elettronica nei paesi in cui l'aborto non è comunque disponibile o soggetto a rigorose restrizioni.

Il gruppo più anziano, Donne sul Web, con sede nei Paesi Bassi, dal 2006 ha fornito i farmaci abortivi a circa 50.000 donne in 130 paesi. Il servizio non è disponibile negli Stati Uniti, e la Food and Drug Administration mette in guardia contro l'acquisto dei farmaci online. Avere le pillole consegnate a casa propria alle Hawaii ha evitato a Marie i costi e i tempi di un viaggio in aereo verso la clinica più vicina dove fosse possibile abortire, a Honolulu o a Maui, più di 100 miglia di distanza. Una volta ricevuti, ha tenuto da parte il pacchetto per una settimana nella sua camera da letto, aspettando di poter programmare il tempo in cui fosse libera dal suo lavoro presso McDonald.

La prima pillola, come previsto, fa poco effetto. La mattina dopo, con la madre a casa sua a guardare il suo bambino, ha preso la seconda. Quasi immediatamente sono iniziati il sanguinamento e i crampi. Nel giro di tre ore, la sua gravidanza all'ottava settimana era interrotta. Su una scala di 10 punti, ha descritto che il dolore ha raggiunto il cinque. Quella sera ha cucinato la cena per la sua famiglia, e il giorno dopo è tornata al lavoro.

Lo studio a cui Marie ha partecipato è stato condotto in quattro stati: Hawaii, New York, Oregon e Washington. E 'stato finanziato e organizzato da Gynuity Progetti per la salute, un gruppo di ricerca no-profit focalizzato sui servizi per la salute riproduttiva che cerca di migliorare l'accesso delle donne all'aborto chimico. La FDA ha permesso l'esperimento. Nello studio le donne imparano quando contattare le cliniche per l'aborto e gli altri operatori sanitari che sono a conoscenza della ricerca e il sito web telabortion.org.

Un portavoce della Danco Laboratories, l'azienda che produce le pillole, ha detto che l'azienda non ha l'obiettivo di ricercare una più ampia distribuzione del farmaco sia attraverso le farmacie per corrispondenza che le normali farmacie. Per farlo, avrebbe dovuto chiedere il permesso della FDA; l'agenzia può anche chiedere alle aziende di cambiare il modo i loro farmaci sono distribuiti.

"L'aborto è una questione politica in questo paese, e vi è un ulteriore livello di cautela", ha detto la portavoce Abby Long, spiegando come la ricerca potrebbe servire a sostenere una modifica nella distribuzione dei farmaci. Delle prime 12 donne che hanno partecipato allo studio, tutte nello stato di Hawaii, 11 hanno riferito di non avere avuto complicazioni e uno non ha preso le pillole, hanno detto i ricercatori. Secondo i ricercatori, dieci donne che hanno portato a termine lo studio si sono dette soddisfatte del servizio e lo consiglierebbero ad una amica.

"E' assolutamente un importante passo in avanti per ampliare l'accesso all'aborto, che è sicuro ed efficace e rappresenta la creazione di opportunità per le donne", ha detto Susan Wood, direttore dell'Istituto Jacobs di salute delle donne presso la George Washington University, a Washington, D.C. Lei non era coinvolta nello studio.

I gruppi anti-aborto si sentono oltraggiati dall'esperimento. "Abbiamo gravi preoccupazioni sul distribuire pericolosi farmaci di fine vita senza supervisione medica, perché le donne devono affrontare grandi rischi per aborti chimici", ha detto Kristi Hamrick, portavoce di Americani Uniti per la Vita. Carol Tobias, presidente del Comitato Destra nazionale per la Vita, ha anche sollevato preoccupazioni per la sicurezza. "Se le pillole vengono inviate attraverso la posta elettronica, chi dovrebbero chiamare se avessero un problema?", Ha detto. "Ci sono enormi svantaggi nell'utilizzo di queste pillole abortive, ha detto, aggiungendo che "è il solo parlare con qualcuno su un pc e l'invio di pillole per posta che per me è imprudente".

Il percorso non consente alle donne di evitare l'intervento del medico completamente. Utilizzando un video collegamento su un computer di casa, una donna prima si consulta con un medico (o altro sanitario, come ad esempio un infermiere) presso una delle tre cliniche abortiste partecipanti alla ricerca, che valuta la sua storia medica e spiega come assumere le pillole abortive e cosa aspettarsi dopo l'assunzione. Deve poi fare esami medici, tra cui l'ecografia e esami del sangue. Se i test dimostrano che è ammissibile allo studio, la clinica le invia un pacchetto contenente le pillole e le istruzioni con la posta celere.

Dopo averle prese, deve fare ulteriori indagini supplementari, come l'ecografia per verificare che l'aborto sia avvenuto completamente e anche una consultazione telefonica per esaminare i risultati.

L'accesso all'aborto è in costante calo negli USA, e decine di cliniche sono state costrette da nuove restrizioni statali a chiudere. In Texas, il numero di cliniche è sceso a 18 nel 2015 da 41 nel 2012. I cinque stati hanno solo una clinica che offre aborti. Per l'aborto farmacologico si richiede alle donne di prendere due farmaci che inducono insieme un aborto spontaneo. Il primo, il mifepristone (commercializzato come Mifeprex ), è in genere assunto in ufficio o in clinica del medico, mentre il secondo, il misoprostol, viene dato alla donna da prendere a casa il giorno successivo.

Negli Stati Uniti, la FDA ha approvato l'uso delle pillole abortive esclusivamente nelle prime 10 settimane di gravidanza, mentre l'aborto chirurgico può essere fatto anche in seguito.

Gli aborti farmacologici costituiscono un quarto di tutti gli aborti nel paese. Circa 2,8 milioni di donne negli Stati Uniti hanno usato mifepristone per interrompere una gravidanza fin dall'approvazione del farmaco nel 2000, secondo Danco Laboratories, il suo produttore. Lo studio americano sull'aborto tramite posta celere va verso un decennio, da quando lo Iowa è diventato il primo stato ad offrire consulenza da parte di un medico per l'aborto farmacologico tramite la telemedicina. Ma in Iowa e nei tre stati che seguirono - Alaska, Maine e Minnesota - le donne devono ancora andare in una clinica che abbia in magazzino le scorte di mifepristone per ricevere le pillole. La dottoressa Elizabeth Raymond, ricercatore principale di Gynuity, ha detto che se lo studio dimostra che la telemedicina e il contatto tramite posta funziona, ciò potrebbe incoraggiare la FDA ad interrompere le restrizioni al mifepristone. "Tutti i tipi di farmaci pericolosi sono prescritti e disponibili presso le farmacie, compresi i farmaci per le malattie cardiache e il Viagra", ha detto. "Non vi è alcuna giustificazione che questo farmaco sicuro non debba essere disponibile nelle farmacie ora."

Ma anche se la FDA dovesse abolire le restrizioni con cui vengono dispensate le pillole abortive, 19 Stati vietano comunque l'uso della telemedicina per l'aborto e richiedono la presenza fisica di un medico quando una donna chiede una consulenza, in accordo con il Guttmacher Institute, un gruppo di ricerca sui diritti riproduttivi. Jessica Arons, presidente e amministratore delegato del progetto Reproductive Health Technologies a Washington, un gruppo di pressione, ha dichiarato che "Anche se potenzialmente questa metodologia della consegna potrebbe rappresentare il futuro dell'aborto per un buon segmento di popolazione, questo punto di vista potrebbe non venir completamente rispettato per motivi politici che ruotano attorno alla questione e alle restrizioni in molti stati".

Phil Galewitz - Notizie Kaiser Health

Traduzione di Marina del Monte

19 novembre 2016

IN ARGOMENTO:

Aborto farmacologico

Interruzione di gravidanza: i disturbi che compaiono dopo l'aborto

Ru486: dove in Italia, ecco gli ospedali che la forniscono

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo