Giovani e droghe, chi dice si e chi dice no, ecco il perché

Robert Whelan e Hugh Garavan, due scienziati della University of Vermont, hanno dimostrato che il cervello dei giovani che fanno uso di droghe, fumano e bevono, presenta delle caratteristiche diverse da quello dei giovani che sono in grado di autodisciplinarsi.

La ricerca è stata pubblicata su Nature Neuroscience. Osservando 1900 risonanze magnetiche di adolescenti, sembra che in quelli maggiormente predisposti a comportamenti a rischio, vi siano meno connessioni nella zona orbito frontale, e che questo possa essere il motivo di questi comportamenti.

Garavan dice che queste differenze precedono il comportamento a rischio, e che potrebbero essere usate preventivamente.  La zona non ha niente a che vedere con la zona che riguarda l'AHDH, il deficit di attenzione con iperattività, come si è pensato in passato.

Questo studio si basa su un lavoro dell'Imagen Consortium, lanciato dall'Unione Europea e condotto da un team di ricercatori internazionali. Saranno ora valutati attraverso la risonanza magnetica del cervello e con  analisi genetiche e comportamentali, circa 2.000 teenager volontari in Irlanda, Inghilterra, Francia e Germania.

Cosa fare di queste scoperte? Certo è possibile che se abbiamo caratteri diversi anche i nostri  cervelli saranno diversi. Probabilmente un  primo violino attiva zone diverse del cervello da un matematico puro, o da un pescatore di coralli.

E così una ballerina nei confronti di una biologa. Le applicazioni pratiche però sono molto dubbie. I ricercatori ci dicono che ci potranno essere ripercussioni sulla salute pubblica, considerato che i giovani quando muoiono per incidenti sono spesso sotto l'effetto di sostanze stupefacenti o alcool.

E come? facendo a tutti lo scanner del cervello e poi inserendo in programmi di rieducazione i giovani a rischio? Stimolando con elettrodi queste zone che non sono abbastanza attive da inibire l'impulsività  facendo tanti piccoli robottini attraverso la stimolazione del cervello? Scenari apocalittici.

Ammesso, e non concesso, (ancora tutta da vedere, quest'idea) che si nasca predisposti all'abuso di sostanze per impulsività, in molti testi c'è già la soluzione. Pazienza, affetto, educazione all'autostima e al senso di autoprotezione, un po' come quella pubblicità dello shampoo... perché tu vali.

Ma per fornire questo rimedio non c'è bisogno della risonanza magnetica. I genitori lo sanno, quando manca, e gli insegnanti anche, e purtroppo non sanno, spesso, né gli uni né gli altri, come somministrarlo.

Questa potrebbe essere una ricerca interessante, invece di sfruculiargli la cucuzza con lo scanner.

Lisa Canitano

1 maggio 2012

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

5xmille

FAI UNA DONAZIONE

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio ginecologico

Richieste urgenti tel. 366/3540689 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 16,00 alle 19,00 ed il sabato dalle 9,30 alle 12,30.

Aiuto telefonico

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 366/3540689.

Aiuto via email

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Se sei minorenne chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 366/3540689

Dove trovare la ricetta

Tutti i servizi sono gratuiti (è possibile lasciare un contributo solo se lo si desidera, non verrà richiesto)

La gravidanza

Sei incinta o vuoi avere un bambino? Visita la nostra guida alla gravidanza

Primi sintomi della gravidanza, sono incinta?

Periodo fertile, come calcolare l'ovulazione

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo