I medici stiano di più in laboratorio


Un po' medici e un po' scienziati, capaci di assistere i pazienti nelle corsie degli ospedali e al contempo di padroneggiare 'sul campo' gli strumenti della ricerca.

Con l'obiettivo finale di accorciare le distanze fra il banco di laboratorio e il letto del malato.

Sogna un camice bianco 'ibrido' - "perfettamente 'bilingue', ossia in grado di parlare il linguaggio della clinica come quello della ricerca di base" - uno dei volti più noti della scienza italiana: Pier Paolo Di Fiore del campus Ifom-Ieo e dell'università degli Studi di Milano, coordinatore del comitato istituito dall'Airc (Associazione italiana per la ricerca sul cancro) per mettere a frutto le donazioni del 5 per mille già ricevute da circa 800 mila contribuenti dello Stivale.

"Bisogna portare sempre di più i giovani medici in laboratorio", spiega Di Fiore oggi nel capoluogo lombardo, a margine della presentazione del programma speciale 'Clinical Molecular Oncology - 5 per mille', finanziato con 75 milioni di euro in 5 anni per "cambiare la faccia al cancro", è la sfida lanciata dall'associazione. "In passato in Italia esisteva una grande tradizione di medici-ricercatori - ricorda lo scienziato - ma poi una riforma delle Facoltà di Medicina ha ridotto il tempo che i futuri medici riescono a trascorrere in laboratorio". Risultato: oggi nel nostro Paese "la clinica e la ricerca parlano linguaggi in parte differenti.

Tutti sappiamo che l'integrazione dei due mondi non è cosa facile", ammette Di Fiore. Ma l'interesse del paziente deve prevalere e quindi "è indispensabile uno sforzo di ingegno, di volontà e anche economico per raggiungere questo obiettivo". Lo scienziato suggerisce per esempio la 'ricetta anglosassone': "L'università italiana potrebbe pensare di far partire corsi integrati modello MD/PhD - dice - In questo modo si avrebbe un unico itinerario formativo della durata di 8-9 anni, contro i 10 in media dell'attuale laurea più dottorato successivo", puntualizza.

Pagina pubblicata il 17 settembre 2009

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti