A rischio il lavoro del medico penitenziario


Più risorse e maggiori garanzie sul mantenimento del posto di lavoro. A chiederlo, in una lettera inviata al ministro della Salute Livia Turco e a quello della Giustizia, Luigi Scotti, sono i medici penitenziari, preoccupati dall'imminente passaggio della medicina penitenziaria al Ssn, e pronti a scendere in piazza per far valere le loro ragioni.

Un passaggio previsto in un comma della Finanziaria 2008, che dovrebbe diventare ufficiale entro il 15 aprile. "In questo modo, però - spiega all'AdnKronos Salute il presidente dell'Amapi (Associazione medici amministrazione penitenziaria italiana), Francesco Ceraudo - si mettono a rischio numerosi posti di lavoro".

A preoccupare i camici bianchi che prestano servizio nelle carceri italiane, sono soprattutto le poche risorse previste dalla riforma. "In parallelo al passaggio dal ministero della Giustizia alle Asl territoriali - spiega Ceraudo - ci aspettavamo più fondi. Invece con le poche risorse stanziate c'è il rischio di essere addirittura 'tagliati' dal Ssn.
C'è infatti da considerare - spiega Ceraudo - che se pure finora dovevamo fare i conti con pochi fondi e stipendi bassi, il nostro impegno era comunque limitato a 18 ore settimanali". Un impegno che concedeva la possibilità di prestare servizio in altre strutture.

"Ci chiediamo - aggiunge Ceraudo - con quali soldi le Regioni, soprattutto quelle più in difficoltà, potranno corrisponderci uno stipendio full-time". Ma le preoccupazioni dei medici penitenziari sono rivolte anche e soprattutto alla salute dei detenuti.

"Si troveranno - spiega - a fare a meno di quei professionisti, medici e infermieri, che conoscono bene le loro patologie che, proprio per l'effetto dello status di recluso, danno luogo a quadri clinici particolari, non riscontrabili tra i normali pazienti di un ospedale.

Un rischio serio, soprattutto ora che i penitenziari italiani sono sovraffollati. L'effetto benefico prodotto dalla legge sull'indulto si è già esaurito. Circa il 30 per cento quanti erano usciti - conclude Ceraudo - è infatti già rientrato nelle carceri".

Pagina pubblicata il 20 febbraio 2008

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo