Aborto, appello delle associazioni ai presidenti di Regione: fate come Zingaretti


Rivoluzione importante dopo il decreto della Regione Lazio che vieta l'obiezione di coscienza nel Consultori. "I presidenti delle altre Regioni seguano l'esempio coraggioso di Zingaretti". La petizione lanciata dalle associazioni Laiga e Vita di Donna.

Aborto, seguire l'esempio di Zingaretti

Sull'obiezione di coscienza la Regione Lazio finalmente fissa i paletti per limitarne gli effetti dovuti ad un uso esasperato. Almeno, per ora, nei Consultori familiari.

L'obiezione di coscienza in molte Regioni ha raggiunto percentuali scandalose, tanto da mettere a rischio l'applicazione della legge 194/78. Il Lazio detiene il primato con il 91,3%. Seguono altre Regioni come la Puglia (89%), il Molise (85,7%), la Basilicata (85,2%), la Campania (83,9%), l'Alto Adige (81,3%), la Sicilia (80,6%).

Il decreto firmato da Zingaretti interrompe la politica anti-194 iniziata con la giunta Storace, proseguita poi con quella della Polverini , basti pensare ai problemi creati da quest'ultima per l'adozione della pillola Ru486.

"E' un segnale che aspettavamo da tempo", commenta Silvana Agatone, presidente dell'Associazione Laiga. "In merito all'applicazione della legge 194 e alla situazione dell'obiezione di coscienza, l'Italia ha ricevuto una condanna dall'Europa – spiega Agatone – con un pronunciamento del Comitato europeo dei diritti sociali che ha riconosciuto una violazione dell'art. 11 della Carta sociale".

In sintesi, secondo l'Europa, l'Italia non rispetta la scelta delle donne di interrompere la gravidanza garantendo alle stesse "il diritto alla procreazione cosciente e responsabile", come citato nella Legge 194.

"Un risultato raggiunto – spiega Agatone – grazie ad un reclamo presentato dalla International Planned Parenthood Federation European Network, un'organizzazione non governativa con la quale la Laiga ha collaborato con il contributo importante di Maria Elisa D'Amico, professore ordinario di Diritto costituzionale presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Milano".

Secondo il Decreto, nei Consultori della Regione Lazio i medici obiettori dovranno parlare con la donna che ha deciso di interrompere la gravidanza. Sono inoltre tenuti a rilasciare la prevista documentazione che le consenta di ottenere la prestazione in una delle strutture autorizzate.

"E' un provvedimento coraggioso ed importante – spiega Lisa Canitano, presidente dell'associazione Vita di Donna – anche perché obbliga i medici obiettori alla prescrizione della contraccezione di emergenza, di quella routinaria, e all'inserimento della spirale. Strumenti importantissimi per evitare il ricorso all'aborto".

"Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha compiuto un atto politico coraggioso e rispettoso della libertà di scelta e della salute delle donne", si legge nel testo della petizione.

"Per questo motivo – spiegano le esponenti delle due associazioni – quello di Zingaretti è un esempio che ci auguriamo che tutti i Governatori delle Regioni Italiane seguano.

PER FIRMARE LA PETIZIONE

IN ARGOMENTO:

Aborto, la Regione Lazio obbliga gli obiettori nei Consultori a certificare. Bravo Zingaretti

Aborto: rivoluzione nel Lazio, no all'obiezione nei consultori

L'aborto in Italia

25 giugno 2014

 

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

Sanita

La sanità pubblica in Italia. Gli indirizzi dei Consultori familiari, materno infantili, poliambulatori, delle asl, delle aziende ospedaliere e degli ospedali. I servizi pubblici che offrono una buona prestazione sanitaria

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo