Italia al terzo posto in Europa per il dolore cronico

A soffrirne di più sono i norvegesi con il 30% di popolazione colpita dai disturbi, poi ci sono i polacchi (27%). Segue quindi l'Italia con un 25/27%

Dolore cronico

A star meglio sono gli spagnoli con il 12% e i cittadini del Regno Unito con il 13%. Questi sono solo alcuni dei dati diffusi oggi nel corso del Congresso Mondiale sul Dolore a Milano, un'iniziativa organizzata dall'International Association for the Study of Pain (Iasp) al quale partecipano circa 7 mila addetti ai lavori provenienti da oltre 110 paesi e i cui lavori si protrarranno fino al 31 agosto.

A soffrire di dolore cronico nel mondo sono un adulto su cinque, uno su quattro in Italia. I tipi di dolore più diffusi sono il mal di testa, del quale una persona su due ne soffre almeno una volta ogni anno, e gli episodi di dolore che interessano l'apparato muscolo-scheletrico.

A soffrirne di più sono le donne con il 56% della casistica e il paziente tipico ha un'età compresa tra i 40 e 50 anni.

Gli effetti del dolore cronico sulla vita sono a volte pesanti. Una persona su cinque perde il lavoro o comunque si vede penalizzata la sua crescita professionale.

Il 21% delle persone che ne sono afflitte soffrono delle implicazioni psicologiche che possono condurre anche a stati depressivi.

Secondo gli addetti ai lavori il livello di istruzione ha una relazione diretta con l'intensità e la durata del dolore.

Paolo Marchettini, responsabile del Centro di medicina del dolore di Milano, spiega infatti che "Il 30% dei cittadini con un livello di istruzione medio-basso ha esperienza di dolore severo, mentre l'incidenza scende al 17-18% nella popolazione con un titolo di studio elevato".

L'esperto spiega il fenomeno "con la presumibile migliore capacità di una persona più istruita di comunicare con il medico".

Il medico ha quindi chiarito che anche la condizione psicologica della persona, come una visione negativa dell'esistenza, può contribuire ad aumentare il dolore fino ad "abolire completamente gli effetti della morfina".

Contrariamente, ad esempio, dormire in modo profondo può attenuare quasi completamente il bisogno di antidolorifici dopo un intervento chirurgico.

Insomma, lo studio e il dibattito, che si sta svolgendo intorno ad un fenomeno che interessa quasi una persona su cinque in tutto il mondo, sta entrando nel vivo.

Per approfondire:

Dal medico di famiglia 1 su 3 con dolore cronico

28 agosto 2012

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

5xmille

FAI UNA DONAZIONE

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio ginecologico

Richieste urgenti tel. 366/3540689 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 16,00 alle 19,00 ed il sabato dalle 9,30 alle 12,30.

Aiuto telefonico

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 366/3540689.

Aiuto via email

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Se sei minorenne chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 366/3540689

Dove trovare la ricetta

Tutti i servizi sono gratuiti (è possibile lasciare un contributo solo se lo si desidera, non verrà richiesto)

La gravidanza

Sei incinta o vuoi avere un bambino? Visita la nostra guida alla gravidanza

Primi sintomi della gravidanza, sono incinta?

Periodo fertile, come calcolare l'ovulazione

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo