I controlli che salvano l'alimentazione


Bufale infette e pesce avariato, cibo scaduto e falso 'Made in Italy': il tranello, a volte, si nasconde nel piatto. Ma a salvare gli italiani dalle insidie alimentari ci pensano i controlli a tappeto da un estremo all'altro dello Stivale

Quasi 400 mila quelli realizzati solo nel corso del 2007, stando al quinto Rapporto sulla sicurezza alimentare 'Italia a tavola 2008', presentato venerdì a Roma dal Movimento difesa del cittadino (Mdc) e da Legambiente per svelare vizi e virtù della filiera del cibo tricolore.

I numeri, al riguardo, la dicono lunga: i 'furbetti' delle frodi a tavola non mancano di certo. Quasi 40 mila, rivela il rapporto, le verifiche dell'Ispettorato per il controllo della qualità dei prodotti agroalimentari; 968 i campioni prelevati sugli scaffali per il Piano di controllo sugli Ogm; 1.261 le ispezioni del Corpo forestale; 300 mila i controlli per terra e per mare della Guardia costiera; 28.173 quelli dei Carabinieri per la sanità; quasi 3 mila le notifiche al sistema di allerta comunitario.

Ammonta a 22 milioni di euro, rivela dunque il Rapporto, il valore dei sequestri effettuati dall'Istituto controllo qualità del ministero delle Politiche agricole, a seguito di 733 sequestri e 478 notizie di reato registrate nel corso delle 39.500 ispezioni realizzate.

All'interno del Piano nazionale di controllo ufficiale sulla presenza di Ogm, il ministero del Lavoro, della salute e delle politiche sociali ha invece analizzato 803 campioni di prodotti in commercio, di cui 72 risultati contaminati. Attività sostenuta anche nell'ambito del sistema di allerta comunitario, con ben 2.933 notifiche pervenute alla Commissione europea, il 2,1% in più rispetto al 2006.

Per quanto riguarda i Nas, invece, sono stati sequestrati oltre 14 milioni di chili di prodotti alimentari, per un valore di oltre 120 milioni di euro. Mentre il Corpo Forestale ha effettuato oltre 1.200 controlli, di cui 298 nel settore zootecnico, 125 in quello dell'agricoltura biologica e 51 relativi al settore degli organismi geneticamente modificati.

Un'attività, quella del Corpo Forestale, che ha portato alla notifica di 144 sanzioni amministrative, per un ammontare di quasi 30,5 milioni di euro. Numeri importanti anche dalle attività delle Capitanerie di porto: nel corso del 2007 sono stati effettuati 50.534 controlli da parte delle unità navali e 250.188 ispezioni, controlli e visite ai punti di sbarco, alle attività commerciali.

"Il quadro emerso dal Rapporto - spiega Antonio Longo, presidente del Movimento difesa del cittadino - conferma il persistere di preoccupanti aree di illegalità nella filiera alimentare, che vanno dalla sofisticazione dei prodotti a marchio protetto al commercio criminale di prodotti pericolosi per la salute dei consumatori".

L'aspetto positivo è senz'altro rintracciabile nella "quantità di sequestri e di provvedimenti che continuano a essere rilevanti, soprattutto in alcune specifiche aree del Paese e in alcuni settori produttivi, come quello delle carni e quello dei vini. Inoltre - conclude Longo - nei produttori e nel sistema commerciale c'è una crescente consapevolezza dell'importanza del cibo sicuro e di qualità".

A prova di ciò, quest'anno Legambiente e Mdc hanno consegnato il premio 'Italia a tavola' a nove esempi di buone pratiche nella filiera alimentare. "Questo sarà - assicura Longo - un appuntamento annuale e segnalerà ai consumatori esperienze di cui fidarsi per sicurezza e qualità".

Tra i premiati anche Coldiretti, nonché quattro piccoli Comuni delle Marche che hanno deciso di unire le loro forze e fare economie di scala nel settore delle mense biologiche.

La celiachia

Colesterolo: cause, sintomi, diagnosi e cura

Indice Glicemico per gli alimenti

Le diete dimagranti

Alimentazione

Reflusso gastroesofageo: sintomi, cause e cura

Pagina pubblicata il 15 settembre 2008

Pubblicità

Argomenti Correlati

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo