Certificati all'Inps, la Fnomceo chiede una proroga


Una proroga per il trasferimento all'Inps delle competenze sui certificati di malattia per i pubblici dipendenti, così come previsto dal recente decreto legge sull'ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico.

Lo chiede la Federazione nazionale degli Ordini dei medici (Fnomceo) in una lettera inviata ieri al ministri della Funzione Pubblica Renato Brunetta, del Welfare Maurizio Sacconi, e al viceministro della Salute Ferruccio Fazio, "per segnalare il disagio dei medici nel dare piena attuazione alla nuova normativa sulle certificazioni di malattia per i pubblici dipendenti", si legge in una nota.

Un disagio che nasce, in primo luogo, dalla necessità di un chiarimento interpretativo di quella parte della norma nella quale si dispone che le certificazioni non possano riferirsi a 'dati clinici non direttamente constatati nè oggettivamente documentati", e che, secondo i medici, si rifletterà in una seria difficoltà per i cittadini nell'ottenere i certificati di malattia.

E i camici bianchi sono anche preoccupati per le gravi sanzioni previste - dalla radiazione alla revoca di rapporto di dipendenza o convenzione con il Ssn, sino al carcere - a fronte anche delle incertezze applicative della normativa.

Per molte patologie (le emicranie o alcune lombalgie per esempio), infatti, non esistono dati clinici obiettivi, mentre altre (una tra tutte la cefalea) possono essersi manifestate senza aver lasciato postumi rilevabili al momento della visita.

Il medico rischia di trovarsi nell'impossibilità di certificare o di farlo dopo complicati e costosi comportamenti difensivi. Questi problemi potrebbero essere al momento 'elusi', "perché, non vigendo l'obbligo di riportare la diagnosi sul certificato, non viene effettuata una valutazione dei contenuti".

Ma "con il previsto passaggio delle competenze all'Inps, la certificazione, telematica o cartacea, dovrà essere inviata corredata della relativa diagnosi all'Istituto assicuratore e sottoposta a formale valutazione di merito".

La Federazione degli Ordini si dice "pienamente disponibile a collaborare per un chiarimento della situazione ed evitare disagi agli assistiti e disservizi amministrativi".

E "in attesa di una puntuale ed efficace regolamentazione applicativa della materia - si legge nella lettera - si sollecita una proroga per l'attuazione del trasferimento delle competenze all'Inps".

Pagina pubblicata il 10 dicembre 2009

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti