Obesità, il medico la curi come una malattia


Il Comitato Etico dell'American college di Ostetricia e Ginecologia, in una nuova opinione del comitato, dichiara che le donne obese meritano un'attenzione compassionevole e rispettosa che tenga conto dei loro fattori individuali.

Obesità

Le percentuali di obesità negli Stati Uniti sono raddoppiate fra il 1980 e il 2004. Attualmente, il 36% delle donne americane sono obese e le percentuali di obesità hanno sorpassato il 20% in tutti i cinquanta stati e il District of Columbia.

"Date le statistiche, gli ostetrici-ginecologi incontreranno inevitabilmente pazienti obese nel loro lavoro", scrivono gli autori. Fra le loro raccomandazioni c'è che i medici "siano preparati a occuparsi di pazienti obese in modo non giudicante, essendo consci delle implicazioni mediche, sociali e etiche dell'obesità".

Classificare l'obesità come patologia medica dovrebbe aiutare a ridurre il pregiudizio e cambiare l'approccio del medico da "uno di biasimo a uno di attenzione", scrivono nell'opinione pubblicata nel numero di giugno di Ostetrica e Ginecologia.

I medici dovrebbero includere il calcolo dell'indice di massa corporea (BMI) e accertamenti sia per l'obesità che per i disordini alimentari nelle visite per donne sane e prenatali per tutte le donne, scrive il comitato. Chiunque con una BMI di 30 kg/m2 o più è considerato obeso.

"E' responsabilità del medico riconoscere i rischi di salute che sono associati all'obesità e consigliare la paziente su questi rischi in un modo privo di pregiudizi, rispettando la sua autonomia e mantenendo la sua dignità", dichiarano gli autori. "Il medico dovrebbe evitare di rimproverare la paziente per l'aumento di peso e integrare conversazioni sulla perdita di peso nelle raccomandazioni mediche."

Nel consigliare le pazienti obese, i medici dovrebbero avere in mente gli speciali ostacoli all'assistenza che queste pazienti spesso affrontano, inclusi deterrenti sociali e economici, biasimo degli amici, parenti e altri operatori sanitari; e stimmatizzazione in una società che associa l'essere snelli con la salute e la bellezza.

Classificare l'obesità come condizione medica è in qualche modo un'arma a doppio taglio: può controbattere parte di questo stigma, ma può anche incoraggiare le pazienti e anche i medici a accettare la condizione e concludere che poco si può fare per contrastarla.

"Come medici, dobbiamo essere difensori dei nostri pazienti che sono affetti da obesità, fornendogli nel frattempo le risorse necessarie per avere la migliore assistenza possibile", ha detto in una conferenza stampa il dottor Sigal Klipstein, presidente del Comitato Universitario di Etica.

I medici dovrebbero richiedere consulto o invio ad altri se necessario, ma se i bisogni della paziente sono entro le competenze del medico, non è etico rifiutarle l'assistenza solo perché è obesa. Gli autori suggeriscono che i medici guardino ai pazienti obesi come farebbero per qualsiasi altro paziente a rischio, come una persona anziana o chi ha patologia multiple.

I medici dovrebbero praticare il counselling per la perdita di peso basato sulle necessità mediche. "Una comprensione del fatto che lavorare sulla  perdita di peso implica, più che consigliare a una donna di mangiare meno e fare più esercizio, un desiderio di conoscere le cause particolari dell'obesità di una paziente che aiuteranno i medici e altri operatori sanitari che lavorano con loro a fornire un'assistenza efficace", dichiara il comitato.

Per esempio, le pazienti a basso reddito possono avere meno opportunità di fare la spesa in negozi che vendono prodotti freschi e il loro ambiente può non essere adatto all'esercizio sicuro.

I medici dovrebbero anche esaminare i loro pregiudizi riguardo agli obesi. Il comitato fornisce evidenza che gli operatori sanitari professionisti spesso hanno attitudini negative verso le loro pazienti obese, il che può mettere a rischio la relazione medico-paziente. In contrasto, i medici che combattono essi stessi con problemi di peso possono sentirsi a disagio nel consigliare pazienti sovrappeso. "I medici dovrebbero lavorare per evitare pregiudizi nel counselling a prescindere dal loro personale BMI."

Il comitato sollecita che più educazione su "gli specifici medici, culturali e sociali delle donne obese" sia incorporata nel training di tutti gli operatori sanitari.

"E' nostra responsabilità come ostetrici-ginecologi riconoscere i rischi medici associati all'obesità e consigliare le pazienti affette da obesità in un modo privo di pregiudizi, evitando il biasimo e mantenendo la loro dignità.", ha detto il Dr.Klipstein nella conferenza stampa. "Dobbiamo riconoscere e ricordare che l'obesità è una condizione medica, molto simile all'ipertensione. Questo ci consentirà in quanto medici di consigliare oggettivamente e assistere le nostre pazienti nel modo che meritano".

Fonte: Medscape

IN ARGOMENTO:

Obesità, cos'è e come si affronta

Obesità: quando si può dire di essere obesi o in sovrappeso

Controllo del peso e del metabolismo

Come mantenere il peso forma

Reflusso gastroesofageo: sintomi, cause e cura

Donne obese e approccio medico

Giugno 2014

Pubblicità

Argomenti Correlati

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo