Anoressia e bulimia, i disordini alimentari


Anoressia e bulimia. Aggiornamento sui Disordini Alimentari

Anoressia

Bulimia

Cause

I disordini alimentari, quali l'anoressia nervosa e la bulimia, possono rappresentare una minaccia per il benessere psicologico e per la salute fisica e, a volte, possono mettere a repentaglio la vita stessa.

In tutti i casi, coloro che ne soffrono sono ossessionati dal cibo, hanno un'immagine distorta del corpo e hanno un comportamento alimentare incontrollato.

Anoressia nervosa

L'anoressia nervosa è un disturbo che può mettere in pericolo la vita perché induce al digiuno volontario e al rifiuto di mangiare quanto è necessario per mantenere un peso corretto entro i limiti normali valutati secondo l'età e l'altezza.

Benché i pazienti anoressici abbiano appetito, si inducono a sopprimerne lo stimolo attraverso il rigido controllo che esercitano sull'alimentazione a causa della paura ossessiva di ingrassare.

Oltre il 90% degli individui che ne sono affetti sono donne e, secondo le stime, l'anoressia affligge dallo 0,5 al 3,7% della popolazione (1).

Gli anoressici sono tendenzialmente benestanti, perfezionisti e molto ambiziosi. Tendono inoltre ad essere depressi, introversi e poco inclini ad esprimere i propri sentimenti. Il fatto di seguire diete rigidissime fornisce loro l'illusione di esercitare un certo dominio su se stessi.

Gli anoressici, inoltre, sviluppano strani rituali legati all'alimentazione, come, ad esempio, il rifiuto di mangiare in presenza di altri. I pazienti risentono di una perdita anormale di circa il 15% o più del loro peso corporeo.

I segnali fisici della sottoalimentazione sono unghie e capelli fragili, pelle secca, sensazione di freddo e, nelle donne, problemi legati alle mestruazioni.

Bulimia nervosa

Più comune tra i disordini alimentari, la bulimia nervosa è due o tre volte più frequente dell'anoressia.

I malati di bulimia nervosa consumano grandi quantità di cibo (fino a 5.000 kilocalorie al giorno) per poi liberare il corpo dalle calorie in eccesso vomitando e abusando di lassativi e diuretici.

Questo comportamento "abbuffati e purgati" passa spesso inosservato in quanto i bulimici, quando sono in presenza di altri, mangiano normalmente e riescono così a tenere segreta la malattia.

Tra i segnali fisici che rivelano la bulimia ci sono: erosione dello smalto dei denti determinata dall'acidità del vomito, viso gonfio a causa delle ghiandole salivari infiammate, abrasioni sulle mani provocate dall'autoinduzione del vomito e disidratazione.

Alla ricerca delle cause

L'insorgenza di disordini alimentari è spesso legata allo stress provocato da un evento quale l'integrazione in una nuova scuola, la mancanza di indipendenza o un ambiente familiare problematico.

Le atlete sono spesso più portate a soffrire di disordini alimentari rispetto al resto della popolazione ed in particolare coloro che praticano uno di quegli sport come la ginnastica, il ballo e la corsa di fondo dove l'essere snelle viene percepito come un vantaggio.

I disordini alimentari sono soprattutto psicologici. Le persone affette da disordini alimentari sperimentano ogni sorta di dieta per tenere sotto controllo il peso; si è persino ipotizzato che il fatto stesso di seguire una dieta possa essere la causa del disturbo. Oggigiorno, comunque, è opinione comune che la dieta sia solo uno degli elementi della malattia ma non la causa.

Una diagnosi precoce è essenziale; la cura consiste in un vasto programma di terapie mediche, interventi psicosociali, assistenza nutrizionale e, a volte, la somministrazione di medicine.

L'obiettivo principale della cura è permettere un ritorno graduale alla normalità sia del comportamento alimentare sia del peso corporeo; risulta inoltre fondamentale ristabilire il controllo di sé ed aumentare l'autostima.

Nonostante la complessità dei disordini alimentari, chi ne è affetto ha ottime probabilità di guarire completamente, specialmente se la malattia viene diagnosticata in tempo.

Referenze

  • 1. National Institute of Mental Health (2001) Eating disorders: Facts about Eating Disorders and the Search for Solutions. NIH Publication No. 01-4901
  • 2. Strober M, Freeman R, Lampert C, Diamond J, Kaye W. (2000). Controlled family study of anorexia nervosa and bulimia nervosa: evidence of shared transmission of partial syndromes. Amer J. Psych. 157(3): 393-401.

Visita la nostra sezione dedicata all'anoressia

Anoressia nervosa e bulimia English version

EUFIC
- European Food Information Council

Pubblicità

Argomenti Correlati

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo