Svezzamento e allattamento, aggiornamenti

Lo svezzamento, quali sono le raccomandazioni Oms, le scelte individuali. Come svezzare? Il rimpiazzo delle poppate, come introdurre il cibo

Svezzamento

Dalle raccomandazioni..

L'indicazione dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, recepita anche in Nord America ed in Europa, è di proseguire l'allattamento esclusivo al seno fino al 6° mese compiuto del bambino per aumentare il beneficio di salute suo e della sua mamma. A sei mesi il bambino è sicuramente pronto dal punto di vista psichico, motorio e digestivo.

..alle scelte individuali

Le raccomandazioni sono dirette all'intera popolazione, ma è evidente che poi devono tradursi in consigli e scelte valide per ogni singola coppia mamma-bambino, anche sulla base del desiderio del bambino, della volontà della madre, della sua produzione di latte, della necessità di ritornare al lavoro.

Lo svezzamento

Con questo termine si intende la fase in cui ad un bambino allattato al seno vengono dati altri alimenti, latte artificiale compreso. Non si tratta di smettere di allattare al seno, né tantorneno dii togliere un periodo di "vizio del seno" come erroneamente e maliziosamente viene invece evocato dall'etimologia del termine. Il latte materno continua ad essere l'alimento base privilegiato anche mentre si introducono i cibi solidi e semisolidi (pappette e minestrine, frutta, ecc.). Del resto finché un bambino è allattato al seno, continua a ricevere un liquido ancora prezioso dal punto di vista nutritivo e biologico.

Come svezzare?

In genere il bambino ci fa capire quando è pronto per lo svezzamento, perché mostra di essere capace di star seduto ed è curioso verso ciò che osserva fare dagli altri adulti a tavola.

Imparare a mangiare è un percorso fatto di scoperte di odori e sapori e di lento distacco dal seno, e non è un processo che possa tassativamente seguire tabelle rigidamente prefissate, che magari inducono ansia per essere seguite tempestivamente.

Ogni bambino ha il proprio carattere e così anche tempi e modi differenti per incominciare a mangiare. In principio è importante non forzarlo o costringerlo al cucchiaino, né alla nuova situazione.

Dato che l'allattamento al seno è per lui ancora l'esperienza centrale, può essere disinteressato al cibo quando è affamato, ma esserne invece attratto non appena ha placato la fame. Quindi se hai difficoltà a proporre il cibo puoi provare ad allattarlo un pochino per poi metterlo a tavola con i nuovi assaggi. La regola dell'allattamento a richiesta continua a valere anche durante lo svezzamento e quindi il bambino può mangiare e poi chiedere di essere allattato oppure il contrario. Permetti al bambino di avere un'esperienza tattile col il cibo, preoccupandoti di fargli indossare un grande bavaglino o un grembiulino e magari di coprire il pavimento con un foglio di giornale.

Il rimpiazzo delle poppate

Molte mamme si aspettano che assumendo cibi solidi e semisolidi il proprio bambino salti fin da subito alcune poppate e restano invece disorientate.

Comincerà a saltare le poppate solo dopo qualche settimana, perché all'inizio l'esigenza di succhiare al seno è grande, anche forse per effetto della nuova esperienza di svezzamento. Il bambino inizialmente succhia addirittura più spesso, quasi volesse accompagnare la minestrina con l'aperitivo e/o il digestivo di latte materno!

Niente sequenze fisse di introduzione dei cibi!

È meglio cominciare da un pasto diurno e con un alimento nuovo per volta per valutare meglio possibili reazioni. Non c'è bisogno dopo il 6° mese di posticipare ulteriormente l'introduzione del glutine (pastine e pane). Anche l'ordine con cui gli alimenti semisolidi e solidi vengono introdotti nella fase dello svezzamento non riveste più l'importanza che un tempo aveva e può variare in base alla preferenza del bambino, alla cultura gastronomica della famiglia ed ai consigli del singolo pediatra di fiducia. E invece sempre attuale la raccomandazione di non esagerare con l'offerta di cibi salati e ad alto contenuto proteico (come carne e formaggini), che potrebbero orientare le preferenze del bambino verso un'alimentazione meno sana, eccessivamente ricca di proteine e sale, tale da condizionare negativamente il funzionamento futuro del metabolismo.

Fonte: Burlo Garofolo di Trieste

Allattare al seno fino a quando?

28 giugno 2022

Allattamento

Allattamento al seno e artificiale. Una guida utile per la mamma. Quando attaccarlo al seno, consigli per iniziare bene. Dal numero delle poppate, all'accrescimento del bambino, la dieta della mamma che allatta, i farmaci, i permessi per l'allattamento.

5xmille

FAI UNA DONAZIONE

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio ginecologico

Richieste urgenti tel. 366/3540689 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 16,00 alle 19,00 ed il sabato dalle 9,30 alle 12,30.

Aiuto telefonico

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 366/3540689.

Aiuto via email

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Se sei minorenne chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 366/3540689

Dove trovare la ricetta

Tutti i servizi sono gratuiti (è possibile lasciare un contributo solo se lo si desidera, non verrà richiesto)

La gravidanza

Sei incinta o vuoi avere un bambino? Visita la nostra guida alla gravidanza

Primi sintomi della gravidanza, sono incinta?

Periodo fertile, come calcolare l'ovulazione

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo