Le cisti ovariche semplici rilevate con ecografia necessitano di ulteriori controlli ecografici?

Secondo un recente studio, le cisti ovariche semplici scoperte con l'ecografia pelvica non sono associate ad un aumentato rischio di cancro ovarico e non necessitano di ulteriori ecografie.

ovaia

Tuttavia lo studio conclude che se gli ultrasuoni rivelano una cisti complessa o una massa solida, il rischio di cancro ovarico è significativamente elevato, e tali casi richiedono un attento follow-up.

Lo studio è stato pubblicato online il 12 novembre su JAMA Internal Medicine.

Rebecca Smith-Bindman, coordinatrice dello studio, ha spiegato a Medscape Medical News che le cisti semplici sono comuni, si verificano in entrambe le donne in pre e postmenopausa. Non richiedono studi di imaging ogni 6 o 12 mesi.

"A meno che queste cisti non siano sintomatiche, non è necessaria alcuna sorveglianza aggiuntiva o follow-up, stiamo parlando di risultati che sono presenti in un quarto delle donne in premenopausa e nel 14% delle donne in postmenopausa, sono incredibilmente comuni e dovrebbero essere considerate normali”, ha aggiunto Smith -Bindman.

È noto da tempo che queste cisti non si svilupperanno in qualcosa di serio, ma la paura che possano ospitare il cancro, sebbene il rischio sia piccolo, ha portato a una frequente sorveglianza di queste lesioni, spiega l’autrice che aggiunge: "Non c'è motivo, questo è un settore in cui stiamo facendo sorveglianza non necessaria".

Cisti complesse. Rischio significativamente aumentato per il cancro ovarico

Lo studio ha coinvolto 72.093 donne iscritte a Kaiser Permanente Washington che avevano fatto un'ecografia pelvica tra il 1 ° gennaio 1997 e il 31 dicembre 2008. La maggior parte delle donne (circa il 75%) aveva meno di 50 anni.

Durante questo periodo, le donne sono state sottoposte a 118.778 ecografie pelviche.

La maggior parte delle donne aveva ovaie normali.

Il reperto ovarico più comune diverso da un'ovaia normale era una semplice cisti, che si è verificata in 12.957 donne (24%) di età inferiore ai 50 anni e in 2349 donne (13%) di età superiore a 50 anni.

I ricercatori hanno determinato quanti casi di cancro ovarico erano stati diagnosticati fino al 31 dicembre 2011, per i quali vi era un minimo di 3 anni di follow-up (intervallo da 3 a 14 anni) dopo l'ultima ecografia durante la quale poteva essere diagnosticato un cancro .

Hanno scoperto che a 210 donne è stato successivamente diagnosticato un cancro ovarico. Di queste donne, 49 avevano meno di 50 anni e 161 avevano 50 o più anni.

Sono stati riscontrati sei diversi sottotipi istologici di carcinoma ovarico: papillare sieroso-adenocarcinoma (36,6%), carcinoma endometrioide (12,0%), cistoadenocarcinoma sieroso (10,6%), adenocarcinoma a cellule chiare (8,5%), adenocarcinoma non altrimenti specificato (8,0%), e adenocarcinoma mucinoso (4,9%) e altro (2%).

Ai tumori è stata diagnosticata una media di 3,4 mesi (intervallo, da 0 a 35,5 mesi) dopo la prima ecografia.

Il rischio di cancro era significativamente elevato nelle donne con cisti complesse o masse solide.
Il rischio di sviluppare il cancro era approssimativamente pari a zero nelle donne con una cisti semplice, indipendentemente dalle sue dimensioni.

Al contrario, le donne con complesse masse cistiche avevano una probabilità da otto a 74 volte maggiore di sviluppare il cancro ovarico; il rischio di cancro a 3 anni variava da 9 a 430 casi per mille.

Nessuna delle donne nel gruppo di età più giovane ha continuato a sviluppare il cancro.

Nella coorte più anziana, una donna ha sviluppato il cancro nel periodo di follow-up. "La sua ultrasonografia era stata ottenuta a causa di un dolore grave che dimostrava una cisti semplice di 1 cm. Questa paziente presentava dolore persistente e grave e una TC eseguita 30 giorni dopo la prima metastasi peritoneale diagnosticata con ecografia estesa, che si presumeva essere ovarica in origine ", ha chiarito Smith-Bindman.

Deborah Levine, del Beth Israel Deaconness Medical Center di Boston, osserva che "il punto chiave dello studio ... che le cisti adnexal semplici non hanno probabilmente malignità, è ben dimostrato".

Tuttavia, i fattori cruciali nella decisione di non seguire una cisti sono la qualità dell’esame e possibilmente la dimensione della cisti, aggiunge Levine.

"Sono d'accordo che una semplice cisti sia fondamentalmente una scoperta benevola", ha aggiunto Levine a Medscape Medical News. "Ma a volte ci possono essere errori nel modo in cui l'ecografia viene interpretata o eseguita tecnicamente, e potresti perdere qualcosa in quella che altrimenti viene definita una cisti semplice, ed è proprio per questo che la gente vuole seguirli, in modo che non manchi qualcosa ".

"Questo era uno studio ben fatto ma è solo uno studio, e sarebbe molto difficile cambiare la pratica clinica basandosi su uno studio in quella direzione “ spiega Levine.

"Stiamo lentamente cambiando l’orientamento sul seguire la cisti, tutti sono d'accordo sul fatto che una cisti semplice e reale non sarà il tipo di cisti associata a un cancro che agisce male, ma la domanda è: se ti fermi perchè è una ciste semplice, ti mancherà qualcosa? Non penso che siamo ancora pronti a prendere questa decisione, ma siamo in procinto di farlo, ci stiamo muovendo verso quella direzione".

"Ma negli Stati Uniti, l'ambiente legale medico è tale che tutti hanno paura di perdere un cancro, quindi è davvero difficile dire che non hai mai bisogno di seguire nulla", ha spiegato Levine.

Nel suo editoriale, Levine scrive che per fare una diagnosi "fiduciosa" di una cisti semplice, la qualità dell'esame ecografico è cruciale.

"Nel migliore dei mondi possibili, tutti avrebbero le migliori attrezzature, ogni paziente sarebbe facile da scannerizzare e tutti i dottori sarebbero davvero bravi a interpretare gli ultrasuoni. C'è un'arte per gli ultrasuoni, e quando torni indietro e guardi molta della vecchia letteratura, è chiaro che alcune cose che venivano chiamate semplici cisti non lo erano, quindi gli errori accadono, e questo è uno dei problemi ", ha aggiunto.

Le linee guida attuali, pubblicate nel 2010 in Radiologia, osservano che in letteratura vi erano poche prove per decidere quali cisti semplici asintomatiche potevano essere ignorate e quali dovevano essere seguite. Raccomandano un follow-up annuale fino a quando l'operatore non decide che la cisti è stabile o sta diminuendo di dimensioni.

"Stiamo rivedendo quella linea guida per dire con più forza che non è necessario seguirle fino a che non superano i 3 cm, ma quella revisione non è ancora disponibile", ha concluso Levine.

Fonte: Medscape
JAMA Intern Med.

IN ARGOMENTO:

Cisti ovariche: cause, sintomi, diagnosi e cura

Ovaio policistico: cos'è, sintomi, cause, diagnosi e cura

16 gennaio 2019

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio ginecologico

Richieste urgenti tel. 366/3540689 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 366/3540689.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 366/3540689

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

La gravidanza

Sei incinta o vuoi avere un bambino? Visita la nostra guida alla gravidanza

Primi sintomi della gravidanza, sono incinta?

Periodo fertile, come calcolare l'ovulazione

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo