Troppi insaccati aumentano il rischio di morte prematura


Il tipo di alimentazione ha un'influenza ormai riconosciuta sulla salute. Sono sempre più frequenti le ricerche che si occupano dei danni derivanti da un cattivo regime alimentare. Ora al centro dell'attenzione c'è  l'eccesso di consumo degli insaccati, mangiarne troppi aumenta le possibilità di morte prematura.

Insaccati e morti premature

Lo studio è stato condotto dall'Università di Zurigo e i risultati, pubblicati su Bmc Medicine, appaiono preoccupanti.

In sintesi, le persone che hanno uno stile alimentare che contempla il consumo di troppi insaccati o di carne lavorata, hanno un rischio maggiore di decesso per malattie cardiovascolari o di tumori.

La ricerca ha coinvolto circa mezzo milione di europei di una decina di Paesi. Tra questi, secondo lo studio, i grandi consumatori di insaccati hanno un rischio maggiorato del 44% di morte prematura. Ovviamente il confronto è stato fatto con quelli che fanno un uso ridotto di questi alimenti.

I dati della ricerca riportano un rischio di morte maggiore del 72% dovuto a patologie cardiache e dell'11% in più dovuto ai tumori.

Lo studio riporta un rischio totale che per ogni 50 grammi di insaccati consumati in più aumenta del 18%.

I ricercatori hanno spiegato che nell'elaborare i dati dello studio sono stati esclusi altri fattori di rischio di morte prematura, come il consumo dell'alcol.

Sabine Rohrmann, uno dei coordinatori della ricerca, facendo un esempio ha spiegato che "una salciccia al giorno è troppo". Secondo lo scienziato con il limite di 20 grammi giornalieri "il 3% di tutte le morti premature potrebbe essere evitato".

Quello che secondo i ricercatori appare come un allarme, viene ridimensionato dall'Associazione industriali carni e salumi. I produttori precisano infatti che "il limite di 160 g di carni trasformate al giorno, sopra il quale i ricercatori avrebbero individuato un limitato rischio potenziale, è pari a più di 4 volte il consumo medio in Italia".

Secondo l'Assica, gli italiani non consumano quantità eccessive di carne lavorata. "Il limite di 160 grammi sarebbe infatti superato da un consumatore che mangiasse ogni singolo giorno della sua vita più di un etto e mezzo di salumi", spiegano i produttori.

Si parla quindi di "quantità non compatibili con le nostre abitudini alimentari", aggiunge l'Assica che riferisce i dati relativi al consumo quotidiano di carni trasformate: tra 1 12,5 e i 38 grammi.

La media italiana è di 30,7 grammi quotidiani, afferma l'associazione dei produttori citando i dati dell'Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione.

In definitiva, e qui concordano anche i produttori di carni lavorate, il rischio maggiore è nello stile di vita non salutare. La dieta deve essere equilibrata e varia e, ogni tanto, una salciccia ci può anche stare.

IN ARGOMENTO:

Carne rossa: meglio poca perché alza la mortalità

PER APPROFONDIRE:

L'alimentazione dell'adulto e del bambino

Alimentazione e salute

Obesità e sovrappeso

Gli alimenti

Le diete

marzo 2013

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti