Aids, partita a Roma la campagna " a luglio il Test HIV ti aspetta in strada"


(Roma) 40enne, benestante, vita di coppia sostanzialmente stabile e rapporti occasionali non protetti. Non ricorre al test perché non si considera a rischio.

Questo e' il nuovo e preoccupante profilo del sieropositivo che emerge dagli ultimi dati relativi al secondo semestre 2007 sui casi di AIDS notificati in Italia e sulle nuove infezioni da Hiv forniti dal COA-Centro Operativo Aids dell'Istituto Superiore di Sanita'.

Sessantamila casi di Aids segnalati in Italia dal 1982 al 31 Dicembre 2006, di cui trentacinquemila mortali. Il tasso di letalità  è drasticamente diminuito, dal 100% del 1984 all'8,8% di oggi. Sono infatti molte le persone che convivono con la malattia grazie all'uso dei farmaci antiretrovirali, che hanno prolungato di molto l'intervallo tra l'infezione e l'esordio della malattia.

Nel 2006 i casi notificati al COA (Centro Operativo Aids dell'Istituto Superiore di Sanità ) sono stati 1052 diagnosticati nell'ultimo anno e 400 riferiti a diagnosi effettuate negli anni precedenti, praticamente le stesse cifre del 2005. Le regioni più colpite sono, nell'ordine: Liguria, Lombardia, Emilia Romagna e Lazio.

Proprio in quest'ultima regione, a Roma ha preso il via ieri, mercoledì 4 luglio, e proseguirà il 12 e il 21 rispettivamente a Piazza Farnese, Piazza Cinecittà  e Piazza dei Ravennati ad Ostia), A luglio il Test HIV ti aspetta in strada, una campagna contro l'Aids, con volontari, medici e psicologi che saranno a disposizione dei cittadini per dare informazioni, distribuire materiale ed offrire consulenza.

Per chi lo vorrà  inoltre sarà  possibile, grazie al personale medico e infermieristico presente sul Camper attrezzato, effettuare il test HIV, anonimo e gratuito.

Ricordiamo che il Comune di Roma e' impegnato sul tema dell'AIDS sul fronte dei servizi, con l'assistenza domiciliare, e su quello della prevenzione e dell'inclusione sociale grazie alla collaborazione con il Coordinamento Romano HIV.

La tre giorni di test HIV nasce appunto dal dibattito in seno al Coordinamento, in cui si è ribadita la necessità  di diagnosi precoce per affrontare in tempo la malattia e assumere - se si e' contratto il virus - comportamenti socialmente responsabili.

In particolare il progetto e' stato promosso dall' Assessorato alle Politiche Sociali e Promozione della Salute del Comune di Roma da NPS-Network Italiano Persone Sieropositive in collaborazione con il Coordinamento Romano HIV, la Regione Lazio, l'ASP Lazio, l'Ospedale IRCCS L. Spallanzani, il Policlinico Tor Vergata, l'Istituto Superiore di Sanità , Farmacap e il Policlinico Umberto I con l'obiettivo di offrire informazione e fare concretamente prevenzione sul 'campo'.

All'iniziativa sarà data visibilità  anche grazie ad una campagna informativa cittadina ideata e realizzata gratuitamente dalla Saatchi & Saatchi.

Un 'classico' armadietto del pronto soccorso, con la croce disegnata però in uno stile che richiama quello dei writers, a sottolineare come la sanità  si avvicina al territorio

L'iniziativa - ha dichiarato l'assessora alle Politiche Sociali Raffaela Milano - vuole mettere in evidenza l'importanza della diagnosi precoce dell'HIV, decisiva per assicurare il rapido avvio delle cure e tutelare la persona che ha la malattia e chi gli sta accanto.

Per noi e' anche l'occasione per ribadire, in questo periodo estivo, l'importanza della prevenzione perché, se e' vero che i farmaci oggi consentono di contrastare il progredire della malattia, non bisogna abbassare la guardia circa i rischi dell'infezione.

(Delt@ Anno V°, N. 155 del 5 Luglio 2007  

Aids, una proteina è in grado di fermare il virus Hiv
Hiv: profilassi diminuisce rischio trasmissione


Pagina pubblicata il 08 luglio 2007

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti