Aborto: la 194 non si tocca, per la Consulta è costituzionale

Aborto costituzionale

La legge sull'aborto non si tocca, lo ha deciso la Corte costituzionale che si è pronunciata in merito ad un ricorso depositato da un giudice tutelare di Spoleto che ha rifiutato ad una minore l'autorizzazione.

Il giudice aveva sollevato la questione contestando la legittimità della legge 194 perché ritenuta in contrasto con una sentenza della Corte di Giustizia Ue.

E' manifestamente inammissibile. Così il pronunciamento della Corte in merito alla legittimità costituzionale dell'articolo 4 della legge 194/78 che regola in Italia l'interruzione di gravidanza.

La vicenda è nata quando una minore di Spoleto aveva chiesto di attivare la procedura per l'aborto senza che i genitori ne fossero informati. Circostanza quotidiana in cui le ragazze minorenni hanno diritto di ricorrere al giudice tutelare che, normalmente, autorizza.

La ragazza ha poi informato i genitori che hanno acconsentito.

Il giudice di Spoleto invece, e sarebbe utile indagare su eventuali diversi motivi, ha ritenuto che la norma che consentiva la procedura violasse gli articoli 2 e 32 della Costituzione, perché in contrasto con una sentenza della Corte di Giustizia europea in materia di embrione umano.

Non c'è stata nemmeno un'udienza pubblica, i giudici di Cassazione si sono riuniti ed hanno deciso.

Grande sollievo e soddisfazione da parte di molte associazioni femminili e del mondo politico. "L'impianto della legge 194 è inattaccabile", ha commentato Livia Turco del Pd. Sulla stessa lunghezza d'onda anche Paola Concia (PD), Oliviero Diliberto (Pdci) e Nichi Vendola (Sel).

"La Consulta si è pronunciata nell'unico modo possibile", ha spiegato Lisa Canitano presidente dell'Associazione Vita di Donna.

"L'embrione fino a 90 giorni è di proprietà assoluta della madre - aggiunge la ginecologa -  che decide se mantenerlo dentro di sé o di eseguire un'interruzione di gravidanza, che piaccia o no. Le donne, esposte per la loro natura alla maternità, e quindi alla riproduzione della specie, hanno il diritto di rifiutarsi fino a 90 giorni, e questo è un segno di civiltà. L'aborto è sempre esistito, si combatte con la contraccezione e con l'istruzione, non creando sacche di clandestinità che uccidono le donne e le portano alla disperazione".

Per approfondire:

Aborto. Interruzione di gravidanza. Come e dove. Il test?

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

5xmille

FAI UNA DONAZIONE

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio ginecologico

Richieste urgenti tel. 366/3540689 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 16,00 alle 19,00 ed il sabato dalle 9,30 alle 12,30.

Aiuto telefonico

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 366/3540689.

Aiuto via email

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Se sei minorenne chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 366/3540689

Dove trovare la ricetta

Tutti i servizi sono gratuiti (è possibile lasciare un contributo solo se lo si desidera, non verrà richiesto)

La gravidanza

Sei incinta o vuoi avere un bambino? Visita la nostra guida alla gravidanza

Primi sintomi della gravidanza, sono incinta?

Periodo fertile, come calcolare l'ovulazione

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo