Perchè la morte di Valentina Milluzzo non sia inutile

Ci ho messo un po' a trovare la voglia di scrivere una cosa estesa sulla condanna dei ginecologi del Cannizzaro per la morte di Valentina Milluzzo.

Valentina Milluzzo

In questi sei anni ho condiviso, insieme alla mia famiglia, come si poteva, il dolore e lo stupore per questa morte. Abbiamo condiviso come meglio sapevamo il dolore di una famiglia che si comportava bene, si organizzava, era sicura di essere "competente" e che invece ha subito una immensa violenza nel non poter sapere, dal primo all'ultimo giorno, che la loro amatissima figlia non veniva curata "in scienza e coscienza" secondo i dettami della medicina, ma secondo una religione che considera che non si possa abortire mai, a costo della vita della donna.

Alla fine sono stati condannati i quattro medici delle ultime 48 ore, quelli che non sono intervenuti "d'urgenza", di fronte ai sintomi della setticemia, e aspettiamo la pubblicazione della sentenza per leggere bene perchè. Ma dobbiamo ricordarci che nessuno di quelli assolti nei giorni precedenti, primario compreso, hanno nemmeno pensato di parlare dei rischi, a lei o alla sua famiglia, perchè c'erano i battiti.

Non serve l'approvazione della proposta di legge del senatore Gasparri, perchè nei nostri ospedali si anteponga la presenza del cuore pulsante di un embrione o di un feto alla vita di una donna. Basta il feroce "common sense" che la gerarchia cattolica ha diffuso fra i medici, spesso anche fra i non obiettori, per cui non si può "curare" una donna con l'aborto, ma soprattutto non le va detto che la cura sarebbe l'aborto.

Abbiamo altre due morti sospette. Una ragazza somala in Puglia a luglio e la ragazza sarda, pochi giorni fa. Loro più al limite della sopravvivenza fetale, tanto è vero che la figlia della ragazza sarda è sopravvissuta alla morte della madre.

Quando è morta Valentina io lo stesso giorno scrissi "l'hanno ammazzata", e sua sorella mi scrisse "lei lo capisce?" "certo che lo capisco, è come se le avessero sparato".

Adesso aspettiamo la pubblicazione della sentenza, e quando ci sarà proviamo a diffonderla a tutti i punti nascita di questo disgraziato paese.

Cari colleghi, cari direttori sanitari, cari direttori dei punti nascita, qualcuno è stato condannato per non aver estratto i feti provocando la morte di una donna. Come va nel vostro punto nascita? Ve lo ricordate che le donne hanno diritto di scegliere se rischiare di morire di gravidanza o se liberamente possono scegliere di essere anteposte al feto? Loro potrebbero morire di questo ma voi essere condannati. Ecco.

Perchè la morte di Valentina non sia inutile, ma perchè da essa nasca la salvezza per altre.

Elisabetta Canitano

29 ottobre 2022

Dove partorire: attenzione agli ospedali cattolici

Qui il video con l'intervista al papà e alla sorella di Valentina:

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

5xmille

FAI UNA DONAZIONE

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio ginecologico

Richieste urgenti tel. 366/3540689 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 16,00 alle 19,00 ed il sabato dalle 9,30 alle 12,30.

Aiuto telefonico

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 366/3540689.

Aiuto via email

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Se sei minorenne chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 366/3540689

Dove trovare la ricetta

Tutti i servizi sono gratuiti (è possibile lasciare un contributo solo se lo si desidera, non verrà richiesto)

La gravidanza

Sei incinta o vuoi avere un bambino? Visita la nostra guida alla gravidanza

Primi sintomi della gravidanza, sono incinta?

Periodo fertile, come calcolare l'ovulazione

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo