Aborto, 100% di obiettori e la legge 194 nella Marche è a rischio

Legge 194, ospedale di Jesi in provincia di Ancona, 10 ginecologi, 10 obiettori di coscienza. Sintesi: la legge non viene applicata.

E' la situazione denunciata dalla Cgil che lancia un grido d'allarme sui "diritti negati alle donne".

Il sindacato riferisce che l'obiezione di coscienza dell'intera equipe ha causato l'interruzione del servizio. Sulla questione è intervenuto l'assessore alla Sanità Almerino Mezzolani per "garantire che nei prossimi giorni possa operare un medico non obiettore proveniente dall'ospedale di Fabriano".

Quindi le interruzioni di gravidanza saranno eseguite da un medico preso in prestito, soluzione prevista dalla Legge 194: "La regione ne controlla e garantisce l'attuazione anche attraverso la mobilità del personale".

Sta di fatto che la distanza tra i due ospedali è di circa 44 chilometri e la Cgil cita i dati del Ministero della Salute che su 2.458 aborti eseguiti nelle Marche nel 2009, il 24% sono stati eseguiti fuori della provincia e il 9.9% in altre regioni. Numeri pari al doppio della media nazionale.

"Quello dell'ospedale di Jesi non è certamente il primo caso di interruzione di pubblico servizio - commenta Lisa Canitano, presidente di Vita di Donna - l'obiezione di coscienza, che raggiunge in Italia la media del 71%, è una piaga che minaccia l'applicazione di una legge dello Stato e l'autodeterminazione delle donne".

"La legge 194 è chiara - aggiunge la ginecologa romana- i medici hanno diritto ad obiettare mentre le donne hanno il diritto ad usufruire del servizio. Come è altrettanto chiara quando dice che, in ogni caso, ogni struttura pubblica deve applicare la legge.

Quindi prendersela con i medici è poco produttivo, almeno finché la legge non verrà modificata regolando l'obiezione di coscienza in modo da avere in ogni struttura autorizzata all'Ivg il numero sufficiente di ginecologi non obiettori.

Bene ha fatto l'assessore Mezzolani ad applicare la legge - conclude Canitano - ci auguriamo che tutti lo facciano ricordando che è un obbligo".

Per approfondire:

L'aborto è un diritto? Provate a giudicare voi se qui è ancora vero

Aborto/ Laiga: troppi obiettori, a rischio l’applicazione della legge 194

Aborto, informazioni e procedure

Pubblicato il 8/9/2012

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

5xmille

FAI UNA DONAZIONE

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio ginecologico

Richieste urgenti tel. 366/3540689 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 16,00 alle 19,00 ed il sabato dalle 9,30 alle 12,30.

Aiuto telefonico

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 366/3540689.

Aiuto via email

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Se sei minorenne chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 366/3540689

Dove trovare la ricetta

Tutti i servizi sono gratuiti (è possibile lasciare un contributo solo se lo si desidera, non verrà richiesto)

La gravidanza

Sei incinta o vuoi avere un bambino? Visita la nostra guida alla gravidanza

Primi sintomi della gravidanza, sono incinta?

Periodo fertile, come calcolare l'ovulazione

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo