Ospedali, tre pazienti su dieci rischiano di assumere il farmaco errato

Sono tre su dieci i pazienti ricoverati negli ospedali che rischiano di assumere il farmaco sbagliato, ma fortunatamente spesso l'errore viene evitato . Ma non si tratta solo di farmaci.

I dati sono emersi nel corso del Forum Risk Management in sanità , che ha aperto i battenti ieri ad Arezzo. "Si tratta - spiega Carlo Ramponi, della Joint Commission International, la società  che ha avuto l'incarico dall'Oms di scovare nuove soluzioni per il risk management - di statistiche internazionali che stimano un 30% di errori legati alla terapie farmacologiche. In realtà , molti di questi sono dei 'near miss"', ovvero dei possibili errori che vengono corretti ancor prima di essere compiuti.

"Ma il punto più allarmante è il sommerso - precisa Ramponi - quando parliamo di eventi avversi da errori sanitari. I dati Usa parlano di 1.500 eventi gravi in 10 anni, ma sono solamente quelli venuti a galla dai report delle strutture, e si stima siano l'1-2% del totale".

Per quanto riguarda l'Italia, "il nostro Ssn - sottolinea il sottosegretario alla Salute Gian Paolo Patta - è un sistema fondamentale sano, anche se il problema degli errori esiste ed è nostro compito ridurlo al minimo. Il cittadino in ospedale deve sentirsi al sicuro. Ministero, Regioni, Asl e operatori che esercitano la professione sono chiamati a dare un contributo importante in questo senso". Anche perché sono "circa 10 milioni - ricorda il sottosegretario - i cittadini che passano mediamente ogni anno 6-7 giorni in ospedale, e ben 45 mila gli interventi chirurgici giornalieri. Cifre che danno la dimensione del nostro Ssn".

Per quanto riguarda invece gli errori legati a dispositivi medici, "il 50% non avviene per difetto della strumentazione, ma per un errato utilizzo", precisa Pietro Dermico, presidente dell'Associazione italiana ingegneri clinici (Aiic).

"Il Disegno di legge collegato alla Finanziaria, approvato dal Consiglio dei ministri - prosegue Dermico - prevede la presenza di un ingegnere in ogni azienda sanitaria, per evitare che anche l'applicazione della tecnologia in sanità  porti nuovi errori.

L'ingegnere clinico è una figura già  consolidata all'estero, soprattutto negli Usa, e trasferisce le sue conoscenze medico-biologiche in campo tecnologico, in area diagnostica, nelle cura e riabilitazione". All'appuntamento aretino gli esperti hanno inoltre ricordato che il 38% delle strumentazioni sanitarie in Italia ha più di 10-15 anni.


Pagina pubblicata il 29 novembre 2007

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

5xmille

FAI UNA DONAZIONE

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio ginecologico

Richieste urgenti tel. 366/3540689 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 16,00 alle 19,00 ed il sabato dalle 9,30 alle 12,30.

Aiuto telefonico

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 366/3540689.

Aiuto via email

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Se sei minorenne chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 366/3540689

Dove trovare la ricetta

Tutti i servizi sono gratuiti (è possibile lasciare un contributo solo se lo si desidera, non verrà richiesto)

La gravidanza

Sei incinta o vuoi avere un bambino? Visita la nostra guida alla gravidanza

Primi sintomi della gravidanza, sono incinta?

Periodo fertile, come calcolare l'ovulazione

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo