Basta un viceministro per la Salute?

L'accorpamento del ministero della Salute con quello del Lavoro e delle Politiche sociali, stabilito dall'ultima legge finanziaria che riduce a 12 i dicasteri, non trova concordi tutti i partiti. Lo rivela l'indagine condotta dalla rivista settimanale Agenzia sanitaria italiana (ASI), che ha intervistato i responsabili sanità dei diversi schieramenti. Favorevoli all'accorpamento Partito democratico e Alleanza nazionale, contrari Forza Italia, UDC e Rifondazione comunista.

"I ministeri vanno ridotti - sostiene Gero Grassi del Pd - l'importante è che la salute sia sempre considerata come valore garantito dalla Costituzione". Una tesi in linea con quella di Domenico Gramazio, di Alleanza nazionale: "La presenza di un viceministro per la Salute, che sarà affiancato dagli esperti dell'Istituto superiore di sanità, è una garanzia per un coordinamento per le attività che erano prerogativa del ministero della Salute".

Di diverso avviso le altre forze politiche. Per Domenico Di Virgilio, responsabile sanità di Forza Italia, "la tutela della salute umana, la sanità veterinaria e l'intera organizzazione sanitaria, data l'ampiezza della materia e le funzioni che deve svolgere - dice - devono essere trattate da un ministero ad hoc".

Più o meno la stessa tesi sostenuta da Luisa Capitanio Santolini, dell'UDC. "Una cosa è il lavoro, tutt'altra la sanità. Due ministeri così pesanti dal punto di vista delle funzioni devono assolutamente rimanere distinti". Sulla stessa linea Erminia Emprin Gilardini di Rifondazione comunista che sostiene come "la salute, e il modo in cui lo Stato organizza il sistema sanitario - dice - è una questione politica di prima grandezza".

Si potrebbe anche aggiungere che, sia pure regionalizzato, il Servizio sanitario nazionale rappresenta il principale capitolo di spesa pubblico e, probabilmente, richiede un impegno paricolare anche per questo motivo. Peraltro, laddove il concetto di Welfare è nato, la Gran Bretagna, non pare che il ministero della Salute sia stato accorpato ad altri dicasteri.

E a guardare poco lontano, cioè in Francia, c'è stata una scelta di segno opposto: il ministero della Salute ha sussunto le competenze di quello dello sport. Una strada già battuta Oltralpe ai tempi del Fronte popolare di Léon Blum che qualche risultato lo aveva dato.

E semmai, nell'esperienza europea, è sempre stato il ministero della Salute a ricomprendere competenze sul welfare, come accade in Olanda.


Pagina pubblicata il 26 febbraio 2008

News

Notizie aggiornate sulla salute, la sanità, i diritti, la medicina, e le donne

5xmille

FAI UNA DONAZIONE

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio ginecologico

Richieste urgenti tel. 366/3540689 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 16,00 alle 19,00 ed il sabato dalle 9,30 alle 12,30.

Aiuto telefonico

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 366/3540689.

Aiuto via email

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Se sei minorenne chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 366/3540689

Dove trovare la ricetta

Tutti i servizi sono gratuiti (è possibile lasciare un contributo solo se lo si desidera, non verrà richiesto)

La gravidanza

Sei incinta o vuoi avere un bambino? Visita la nostra guida alla gravidanza

Primi sintomi della gravidanza, sono incinta?

Periodo fertile, come calcolare l'ovulazione

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo