Taglio cesareo e VBAC: complicanze a confronto

La complicanza più temuta nel VBAC e' la rottura dell'utero. Facciamo intanto un distinguo importante tra

  • deiscenza della cicatrice uterina
  • rottura franca dell'utero

La deiscenza si ha quando il tessuto intorno alla cicatrice si sfalda portando ad un apertura nell'utero, evenienza che può non dare segni clinici importanti, quindi più difficile da riconoscere ma con esiti meno gravi.

La rottura e' più catastrofica in quanto può interessare la parte dell'utero che si contrae ed e' più vascolarizzata.

Gli studi che ci riportano l'incidenza di rottura d'utero nel VBAC non hanno potuto distinguere tra deiscenza e rottura d'utero.

In ogni caso allo stato attuale il rischio di rottura d'utero (comprese le deiscenze) per la donna che tenta la PdT è dell'ordine dello 0,5%. Questo significa che una donna su 200 andrà probabilmente incontro a tale complicanza durante la prova di travaglio.

C'e' da ricordare che la deiscenza o rottura dell'utero avviene anche tra le donne che ripetono il taglio cesareo al di fuori del travaglio, nell'ordine dello 0,2% circa.

Si e' notato come nel confronto tra taglio cesareo ripetuto e VBAC gli esiti sia materni che fetali siano decisamente migliori nel secondo caso. Qualora un travaglio dopo cesareo esiti in un cesareo urgente per sospetta rottura d'utero, aumenta la possibilità di complicanze sia materne che fetali.

Secondo un recente studio inglese riguardo al Taglio Cesareo in generale : su diecimila donne che affrontano un taglio cesareo

      • 900 avranno dolore all'addome contro 500 nel caso di un parto per via vaginale
      • 10 avranno un danno alla vescica contro 0.3 nel caso di un parto per via vaginale
      • 50 avranno bisogno di un ulteriore intervento contro 3 nel caso di un parto per via vaginale
      • 80 avranno bisogno di un'isterectomia (asportazione dell'utero) contro 1 o 2 nel caso di un parto per via vaginale
      • 90 saranno trasferite in rianimazione contro 10 nel caso di un parto per via vaginale

 inoltre le donne sottoposte a taglio cesareo avranno un rischio aumentato di:

  • ricoveri più lunghi
  • rientro in ospedale
  • morte
  • infertilità
  • placenta previa in gravidanza successive
  • rottura d'utero durante gravidanze successive

Se decidi di effettuare una prova di travaglio vi sono ottime possibilità che tu riesca ad avere un VBAC. Le statistiche parlano di un successo variabile tra il 50% e il 95% a seconda di alcuni fattori che possono influenzare positivamente o negativamente le possibilità di farcela.

In particolare le seguenti condizioni sembrano collegate ad una migliore possibilità di successo:

  • uno o più parti spontanei precedenti, soprattutto se dopo il cesareo
  • un pregresso TC per arresto della dilatazione in travaglio
  • un pregresso TC per presentazione podalica
  • si possono aggiungere
  • essere assistita da un'ostetrica o da un medico che condividano a pieno la tua scelta
  • effettuare il travaglio in una struttura dove esista un protocollo condiviso sul VBAC

In ogni caso anche in assenza dei fattori facilitanti che ho citato prima vale comunque la pena di lasciare che inizi il travaglio per poi valutare come procede dal momento che un eventuale taglio cesareo praticato in travaglio, prima di una reale emergenza, comporta dei reali benefici per il bambino.

Alcuni studi evidenziano un aumentato rischio di morte per il bambino nel caso di un travaglio dopo cesareo vs un taglio cesareo elettivo, rischio comunque comparabile a quello di una donna che affronta il suo primo parto.

di Ivana Arena

Ivana Arena ha appena pubblicato il libro: "Dopo un cesareo - Come rispondere alle esigenze di mamma e bambino" ed. Bonomi - 13,52 euro. Lo puoi acquistare online direttamente dalla Casa Editrice.

GRAVIDANZA:

Parti cesarei: se ne fanno troppi e Balduzzi manda i Nas, ma servono?

Parto cesareo, informati prima

Non partorire prima delle 39 settimane, leggi perchè

Pagina aggiornata il 9 luglio 2007

Gravidanza

Sei incinta? Ecco cosa fare. Quali esami in gravidanza e quando, la diagnosi prenatale, le malattie in gravidanza, il parto naturale, l'epidurale e il cesareo. La guida di Vita di Donna, dagli stili di vita all'alimentazione in gravidanza.

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

La gravidanza

Sei incinta o vuoi avere un bambino? Visita la nostra guida alla gravidanza

Primi sintomi della gravidanza, sono incinta?

Periodo fertile, come calcolare l'ovulazione

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Allattamento al seno

Sei hai problemi ti aiuta Gabriella Pacini Consulente internazionale per l'allattamento al seno (IBCLC) Tel. 3339856046 oppure scrivi gabriella.pacini@gmail.com

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti