Cure e trattamento del linfedema in donne con tumore al seno


Una storia clinica completa del paziente e un esame fisico è importante per i medici ai fini di determinare la causa del linfedema (NLN, 2011; Tretbar et al., 2007). Altre cause di edema devono essere escluse per diagnosticare con precisione il linfedema e vari strumenti diagnostici possono escludere altre cause.

Gli operatori sanitari possono utilizzare gli strumenti di radiologia tra cui radiografia del torace, elettrocardiogramma, ecocardiogramma, tomografia computerizzata, ultrasuoni, o venografia contrasto. Strumenti di laboratorio per la diagnosi di edema includono funzionalità renale, funzionalità epatica, funzione della tiroide, e D-dimero (NLN, 2011; Tretbar et al., 2007).

L'obiettivo della gestione del linfedema è quello di rallentarne la progressione, offrire sollievo dai sintomi, prevenire complicanze mediche, mantenere la l'integrità della pelle, ridurre le infezioni, mantenere la conformità del paziente con l'auto-gestione e mantenere la qualità della vita (NLN, 2011; Ryan et al., 2012). Gestione e trattamento deve essere personalizzato per ciascun paziente.

Terapia decongestiva completa

La terapia decongestiva completa è riconosciuta come lo standard di cura (International Consensus, 2006; Lymphedema, 2009; NLN, 2011; Oncology Nursing Society [ONS], 2014; Papadopoulou et al., 2012; Ridner et al., 2012; Ryan et al., 2012; Stout et al., 2012; StoutGergich et al., 2008).

Questa terapia comprende l'educazione nella cura della pelle, la prevenzione delle infezioni e il trattamento; può aiutare eseguire il drenaggio linfatico manuale (una tecnica di massaggio che aumenta l'attività dei centri linfatici normali per spostare il fluido dalla zona congestionata); è consigliato l'uso del bendaggio compressivo per ciò che riguarda i capi di abbigliamento; esercizi specifici; e terapia giornaliera one-to-one per 3/8 settimane. (International Consensus, 2006; NLN, 2011; ONS, 2014; Stout et al., 2012).

Si raccomandano due fasi di trattamento. La fase di trattamento intensivo consiste in interventi con terapia decongestiva completa (NLN, 2011; Papadopoulou et al., 2012). I pazienti vengono spostati nella fase di mantenimento del trattamento quando non si verificano cambiamenti nel volume dell'arto. (Papadopoulou et al., 2012) (vedi tabella 1)

Approccio interdisciplinare

Un approccio interdisciplinare per la gestione del linfedema e il suo trattamento è necessario per fornire cure per il tumore di alta qualità. A seconda della diagnosi, un paziente con il tumore al seno può beneficiare di diverse discipline tra cui la chirurgia, l'oncologia medica, la radioterapia oncologica, terapia fisica, alimentazione, gestione del dolore e psicologia (StoutGergich et al., 2008).

Una valutazione approfondita e l'esame sono necessari per avviare i riferimenti adeguati in modo tempestivo (Papadopoulou et al., 2012; Tretbar et al., 2007). Fisioterapisti o professionisti formati in gestione del linfedema effettuano una valutazione funzionale che comprende la gamma di movimento, la capacità di applicare o rimuovere indumenti o bendaggi di compressione, la capacità di impugnare o di svolgere attività della vita quotidiana e l'uso di presidi. (International Consensus, 2006).

Terapisti verificati e occupazionali eseguono il drenaggio linfatico manuale, massaggi sulle cicatrici, esercizi di stretching, esercizi per le spalle e attività funzionali (Torres Lacomba et al., 2010).

I terapisti del linfedema prendono anche misure di routine per monitorare la risposta al trattamento e la progressione, formulare raccomandazioni riguardo agli esercizi; ai pazienti adatti all'uso di dispositivi di compressione forniscono istruzioni e assistono i pazienti nel mantenimento delle funzioni quotidiane. (Papadopoulou et al., 2012).
Il nutrizionista effettua una valutazione del peso corporeo, da consigli nutrizionali e raccomandazioni e può progettare un programma di perdita di peso con un obiettivo di massa corporea inferiore a 25 (International Consensus, 2006; Papadopoulou et al., 2012).

Gli esperti di gestione del dolore e palliativi sono utili per determinare la causa, la natura, la frequenza, i tempi, la gravità e l'inpatto del dolore sulla qualità di vita (International Consensus, 2006; Torres Lacomba et al., 2010). Dopo lo screening uno psicologo valuta i segni di depressione, isolamento sociale, preoccupazioni, sessualità, ansia, ridotta autostima, immagine distorta del corpo e preoccupazioni di relazione (ad esempio sessuale, familiare, sociale) (International Consensus, 2006; Papadopoulou et al., 2012).

Gli psicologi valutano anche la comprensione della malattia da parte del paziente e aiutano nella creazione delle aspettative di trattamento (International Consensus, 2006; Papadopoulou et al., 2012). Viene eseguita una valutazione della qualità della vita per formulare raccomandazioni per l'auto-gestione ed insegnare la capacità di affrontare e gestire la propria situazione. (International Consensus, 2006; Papadopoulou et al., 2012; Ryan et al., 2012).

Educazione del paziente per prevenire e gestire il linfedema

Attualmente non esistono strategie che mostrino che il linfedema possa essere prevenuto o curato; di conseguenza l'educazione del paziente iniziale e permanente è fondamentale per gestirlo (International Consensus, 2006; McLaughlin et al., 2008; NLN, 2011; ONS, 2014; Ridner et al., 2012; Ryan et al., 2012).

I pazienti che ricevono l'istruzione praticavano più comportamenti a rischio, hanno riportato un minor numero di sintomi del linfedema e hanno migliorato i loro comportamenti. (Ryan et al., 2012).

L'educazione preoperatoria comprende una discussione individuale a proposito dell'incidenza e patogenesi del linfedema (Papadopoulou et al., 2012). I pazienti devono inoltre ricevere materiale stampato del sistema linfatico, capire le fonti del linfedema, verbalizzare l'identificazione dei fattori di rischio e discutere gli interventi per prevenire il linfedema (Torres Lacomba et al., 2010).

L'educazione post-operatoria dovrebbe includere un piano di intervento individualizzato per minimizzare i rischio e favorire il drenaggio linfatico, inoltre dovrebbe includere l'uso di indumenti di compressione (Papadopoulou et al., 2012). I pazienti devono essere istruiti sui primi segni e sintomi di linfedema, tra cui abbigliamento o gioielli che diventano più stretti; dolore; sensazione di pesantezza; senso di oppressione; pienezza o rigidità; gonfiore osservabile (International Consensus, 2006; Lymphedema, 2009; Taylor et al., 2006).

I pazienti devono anche essere istruiti sui comportamenti precauzionali per ridurre il rischio di sviluppo di linfedema (vedi figura 4). L'educazione del paziente è importante per monitorare i primi segni e sintomi di effetti collaterali come il dolore, l'immobilità, la debolezza (Stout et al., 2012). Il rafforzamento di questi interventi è importante in ogni incontro con il paziente per promuovere l'adesione al piano di trattamento e massimizzarne i risultati.

Diagnosi e cura del linfedema in pazienti con tumore al seno

Linfidema: Follow-up per pazienti con tumore al seno durante survivorship

IN ARGOMENTO:

La prevenzione dei tumori

Prevenzione del cancro al seno: come ridurre il rischio

Cisti al seno

Fibroadenoma al seno: cos'è, cause e cure

La senologia al Santo Spirito di Roma

16 maggio 2015

Pubblicità

Argomenti Correlati

Forum Ginecologia

Metodi contraccettivi

Consultori familiari

Elenco completo dei consultori familiari in Italia suddivisi per regione

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo