La vaccinazione contro la difterite e il tetano


Vaccinazione contro la difterite e il tetano. Quando è opportuno vaccinarsi

Cos'è la difterite

La difterite è una malattia contagiosa causata da un batterio che si trasmette da persona a persona tramite le secrezioni del naso e della gola di persone infette.

Il batterio di solito si localizza nel naso e nella gola e produce una tossina che attraverso il sangue può raggiungere il cuore, il sistema nervoso e i reni provocando gravi danni.

La malattia si manifesta nella maggior parte dei casi con mal di gola e laringite, dove si forma una spessa membrana che può arrivare ad ostruire completamente le vie respiratorie e causare soffocamento.

L'azione della tossina su altri organi causa invece complicazioni gravi a carico del cuore (miocardite) e dei muscoli (paralisi). Gli antibiotici, pur uccidendo il germe, non sono efficaci nel combattere la tossina difterica.

L'unica terapia che si può usare per contrastarne l'azione è costituita dalla somministrazione di anticorpi contro la tossina (immunoglobuline). Nonostante la terapia, la difterite è mortale nel 5-10 dei casi.


Cos'è il tetano?

Il tetano è una malattia infettiva causata da un batterio che si trova comunemente nel terreno. Il tetano non si trasmette da persona a persona ma si può contrarre ferendosi o pungendosi con oggetti contaminati.

Sono particolarmente pericolose le ferite profonde, ma ci si può infettare anche attraverso piccole ferite. Il batterio produce una tossina che colpisce il sistema nervoso e causa una contrazione generalizzata dei muscoli, fino all'insufficienza respiratoria.

Come per la difterite, gli antibiotici uccidono il batterio ma non sono efficaci contro la tossina, la cui azione può essere controllata usando le immunoglobuline antitetaniche (anticorpi contro la tossina tetanica).

Il tetano è mortale nel 50 circa dei casi.

Quanto sono frequenti la difterite ed il tetano in Italia?

La difterite era una malattia molto frequente in Italia e agli inizi degli anni '60 si registravano circa 6.000 casi ogni anno. Grazie all'uso estensivo della vaccinazione, la malattia è ormai rarissima: dal 1990 al 2003 sono stati riportati complessivamente solo 4 casi, di cui l'ultimo nel 1995.

Va però ricordato che la difterite è una malattia ancora presente in molte parti del mondo dove le vaccinazioni sono inadeguate; ad esempio in alcune nazioni dell'Europa dell'Est si è recentemente verifìcata una vasta epidemia con circa 50.000 casi riportati nel 1995, e tuttora vi sono persone che continuano ad ammalarsi.

Come per la difterite, il numero di malati di tetano in Italia è drasticamente diminuito con l'introduzione della vaccinazione. Nonostante questo, però, persone non vaccinate o vaccinate in maniera inadeguata continuano ad ammalarsi.

In media, tra il 2000 ed il 2003, in Italia sono stati notificati 76 casi di tetano ogni anno, soprattutto in persone anziane.

Quale vaccino si usa contro la difterite e il tetano?

Sia il vaccino antidifterite che quello antitetanico contengono le tossine inattivate (anatossine).

In Italia la vaccinazione antidifterite è obbligatoria per tutti i bambini dal 1939 mentre quella antitetanica è obbligatoria dal 1968. Per entrambe le vaccinazioni il calendario nazionale prevede 3 dosi nel primo anno di vita (nel 3°. 5° e 11°-13° mese) seguite da due richiami rispettivamente a 5-6 anni e tra gli 11 e i 15 anni.

Successivamente, per essere sicuri che la protezione duri tutta la vita è comunque bene effettuare dosi di richiamo ogni 10 anni (a 25, 35 anni e così via).

I vaccini contro la difterite sono disponibili sia in formulazione pediatrica che adulta. La formulazione pediatrica ha un contenuto di anatossina maggiore rispetto alla formulazione adulta ed è utilizzata nel primo anno di vita e per il richiamo a 5-6 anni. La formulazione adulta invece viene utilizzata per le dosi di richiamo oltre i 6 anni.

Dal 1998 ad oggi sono stati introdotti in commercio numerosi prodotti combinati a quattro o più componenti, in cui il vaccino antidifterico a formulazione pediatrica è associato al vaccino antitetanico, antipertosse, Hib, IPV ed HBV.

I prodotti maggiormente utilizzati nel paese per le vaccinazioni dei nuovi nati contro difterite e tetano sono attualmente gli esavalenti, che combinano tutti i vaccini sopramenzionati.

Per le dosi di richiamo per gli adolescenti e per gli adulti sono invece disponibili dei vaccini combinati che associano la componente antitetanica, al vaccino antidifterite a formulazione adulta ed all'antipertosse.

Quali sono i rischi della vaccinazione?

La vaccinazione può causare febbre o dolore e rossore nella sede di iniezione. Si tratta di sintomi di breve durata, che si risolvono da soli.

Le reazioni allergiche gravi alla vaccinazione sono eccezionali.

In quali casi la vaccinazione non può essere eseguita?

La vaccinazione va temporaneamente rinviata in caso di malattia acuta importante.

Chi ha avuto una reazione allergica grave (anafìlassi) al vaccino, non deve ricevere le dosi successive.

Inoltre, la vaccinazione è controindicata in caso di reazione allergica grave (anafìlassi) ad un componente del vaccino.

Comune di Roma - Assessorato alle Politiche di Promozione dell'Infanzia e della Famiglia - Dipartimento XVI

Pagina aggiornata il 31/5/2006

Pubblicità

Argomenti Correlati

Gravidanza

Sei incinta? Ecco cosa fare. Quali esami in gravidanza e quando, la diagnosi prenatale, le malattie in gravidanza, il parto naturale, l'epidurale e il cesareo. La guida di Vita di Donna, dagli stili di vita all'alimentazione in gravidanza.

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

La gravidanza

Sei incinta o vuoi avere un bambino? Visita la nostra guida alla gravidanza

Primi sintomi della gravidanza, sono incinta?

Periodo fertile, come calcolare l'ovulazione

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Allattamento al seno

Sei hai problemi ti aiuta Gabriella Pacini Consulente internazionale per l'allattamento al seno (IBCLC) Tel. 3339856046 oppure scrivi gabriella.pacini@gmail.com