La vaccinazione contro la pertosse

Vaccinazioni. Cos'è la pertosse?

Definizione

La pertosse è una malattia molto contagiosa, causata da un batterio che si trasmette con le secrezioni di naso e gola. La pertosse inizia con i sintomi di un comune raffreddore: tosse, naso che cola, febbre lieve.

Nei giorni successivi la tosse peggiora ed è caratterizzata da colpi di tosse in successione, durante i quali il bambino non respira, seguiti da una rumorosa ripresa del flato (accesso di tosse con "urlo").

Questa tosse dura circa 2 settimane, poi migliora progressivamente. Complessivamente la malattia dura 1-2 mesi.

Le complicanze principali sono la polmonite, le convulsioni, l'encefalite.

La terapia antibiotica è scarsamente efficace e può ridurre la gravita dei sintomi solo se iniziata molto precocemente, durante la prima settimana di malattia, quando è comunque diffìcile che la pertosse venga riconosciuta.

Per un anno circa dopo la guarigione si possono ripresentare i caratteristici accessi di tosse, scatenati per esempio da episodi di raffeddore.

Quanto è frequente la pertosse in Italia?

La pertosse è ancora presente anche se l'elevata copertura vaccinalie ha ridotto drasticamente l'incidenza della malattia: mentre negli anni '60 venivano notificati in media 21.000 casi di pertosse ogni anno, tra il 2000 ed il 2004 sono stati notificati 1.900 casi per anno (-91%).

Che vaccino si usa contro la pertosse?

Attualmente il vaccino utilizzato in Italia è il vaccino "acellulare", che contiene solo alcune componenti del batterio, importanti per indurre la protezione nei confronti della malattia. Il calendario vaccinale prevede tre dosi di vaccino antipertosse nel primo anno di vita (nel 3°, 5° e 11°-13° mese d'età), seguite da un richiamo a 5-6 anni.

Dal 1999 ad oggi sono stati introdotti in commercio numerosi prodotti combinati a quattro o più componenti, in cui il vaccino antipertosse acellulare è associato ai vaccini contro tetano, difterite, Hib, Polio ed HBV.

I prodotti maggiormente utilizzati in Italia sono attualmente gli esavalenti, che combinano tutti i vaccini sopramenzionati. Sono inoltre disponibili vaccini da utilizzare per le dosi di richiamo, che contengono un quantitativo ridotto della componente antipertosse, in combinazione con il vaccino contro il tetano ed il vaccino antidifterite formulazione adulta.

Quali sono i rischi della vaccinazione?

La vaccinazione può causare reazioni nel punto di iniezione (rossore, gonfiore), o febbre. Queste reazioni guariscono da sole in 2 o 3 giorni. Reazioni più importanti, quali febbre alta (superiore a 40°C) o convulsioni febbrili sono rarissime. Questi eventi si risolvono comunque spontaneamente e senza lasciare danni.

In questi casi, l'opportunità di proseguire il ciclo vaccinale deve essere valutata dal medico curante.

In quali casi la vaccinazione non può essere eseguita?

Come per le altre vaccinazioni, la vaccinazione contro la pertosse è controindicata per i bambini che hanno avuto una reazione allergica grave (anafilassi) dopo una precedente somministrazione oppure che hanno avuto una reazione allergica grave ad un componente del vaccino.

La vaccinazione deve essere rimandata in caso di malattia acuta importante.

Inoltre, per i bambini con disturbi neurologici progressivi (inclusi spasmi infantili, epilessia non controllata ed encefalopatia progressiva) o con encefalopatia entro sette giorni da una precedente somministrazione, l'opportunità di effettuare la vaccinazione va valutata caso per caso.

Comune di Roma - Assessorato alle Politiche di Promozione dell'Infanzia e della Famiglia - Dipartimento XVI

Pagina aggiornata il 31/5/2006

Pubblicità

Argomenti Correlati

Gravidanza

Sei incinta? Ecco cosa fare. Quali esami in gravidanza e quando, la diagnosi prenatale, le malattie in gravidanza, il parto naturale, l'epidurale e il cesareo. La guida di Vita di Donna, dagli stili di vita all'alimentazione in gravidanza.

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

La gravidanza

Sei incinta o vuoi avere un bambino? Visita la nostra guida alla gravidanza

Primi sintomi della gravidanza, sono incinta?

Periodo fertile, come calcolare l'ovulazione

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Allattamento al seno

Sei hai problemi ti aiuta Gabriella Pacini Consulente internazionale per l'allattamento al seno (IBCLC) Tel. 3339856046 oppure scrivi gabriella.pacini@gmail.com

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti