Lavorare al videoterminale (computer): disturbi oculo-visivi

L'attività a computer può detreminare affaticamento oculo-visivo i cui principali fattori di rischio sono la inadeguata correzione delle lenti, le condizioni microclimatiche e di illuminazione sfavorevoli e tempi prolungati di utilizzo

Le problematiche di salute legate all'attività comportante utilizzo di computer (unità video) interessano principalmente 3 apparati: quello oculo-visivo, osteoarticolare e psicologico. In questa prima parte analizziamo quelle oculo-visive.

Vorrei subito togliere ogni dubbio riguardo il peggioramento della capacità visiva a seguito di lavoro a pc. I difetti di rifrazione (miopie, ipermetropie, astigmatismi) non peggiorano se un lavoratore trascorre molte ore al computer.

Eventualmente se non corretto o mal corretto il lavoratore può accusare disturbi legati alla cattiva o mancata correzione.

Le problematiche maggiori si riscontrano con i disturbi della motilità oculare: alterazioni, anche lievi, della motilità oculare (il sistema che garantisce i movimenti degli occhi ed il meccanismo dell'accomodazione-convergenza) possono determinare "stanchezza visiva" che, con un termine scientifico definiremo "astenopia".

Anche fattori extra oculari possono aggravare o scatenare una astenopia. Ad esempio scarse o eccessive condizioni di illuminazione, la presenza di abbagliamenti o riflessi sul monitor sia essi determinati dall'illuminazione artificiale che naturale.

Anche le condizioni microclimatiche possono condizionare disturbi astenopici (temperatura, umidità dell'aria), soprattutto per chi utilizza lenti a contatto.

In alcuni soggetti inoltre è scarsa la produzione lacrimale, condizione che può aggravare il senso di secchezza. Infine i tempi di utilizzo del pc: trascorrere molte ore con una visione ravvicinata e protratta é la principale causa di stanchezza visiva.

Le visite di idoneità sono previste dal titolo VI del Decr. Leg.vo 626/94 e dall'art. 21 della Legge 422/2000 e sono previste.

Qualora il lavoratore operi a videoterminale per un tempo superiore alle 20 ore complessive settimanali (4 ore medie al giorno) è d'obbligo la sorveglianza sanitaria. Le visite devono essere corredate da un esame della vista e degli occhi.

In genere il medico competente utilizza un ortoanalizzatore (uno strumento di screening visivo) o invia allo specialista oculista per un controllo oculistico e ortottica (della motilità oculare).

La periodicità delle visite è biennale sopra i 50 anni e ove presenti prescrizioni. In tutti gli altri casi è quinquennale (salvo controlli più ravvicinati stabiliti dal medico competente).

Problematiche osteoarticolari (parte seconda)

L'attività a computer spesso determina sindromi dolorose alla struttura osteomuscolare della parte alta del corpo, dovuta a posture incongrue o scelta di arredi inadeguati

Problematiche psico-sociali (parte terza)

Esistono fattori lavorativi di stress che si interscambiano con fattori individuali di personalità: la genesi dello stress

Infortuni sul lavoro e malattie professionali - INAIL

Torna a Medicina del lavoro 

Dott. Cristiano Ravalli Medico Chirurgo - Odontoiatra - Specialista in Medicina del Lavoro Esperto del Ministero della Salute per il Programma E.C.M. Consulente Tecnico del Tribunale di Milano n. 9847 Piazza Gerusalemme, 4 - 20154 - Milano Tel./Fax 02/3452021 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pagina aggiornata il 30/8/2006

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio ginecologico

Richieste urgenti tel. 366/3540689 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 16,00 alle 19,00 ed il sabato dalle 9,30 alle 12,30.

Aiuto telefonico

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 366/3540689.

Aiuto via email

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Se sei minorenne chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 366/3540689

Dove trovare la ricetta

Tutti i servizi sono gratuiti (è possibile lasciare un contributo solo se lo si desidera, non verrà richiesto)