Taglio cesareo per eseguire la sterilizzazione tubarica? Rispondi di no, ti aiutiamo noi

Vivi nel Lazio? hai avuto abbastanza figli? sei abbastanza grande? hai una malattia che sconsiglia che tu faccia dei figli del tutto o che tu ne faccia altri? Vorresti farti legare le tube per non dover combattere con la contraccezione?

No al cesareo per la sterilizzazione

Hai parlato con un ginecologo che ti ha detto "vede, è vietato, non si può, ma io, proprio perché è lei, proprio perché la capisco, perché ci conosciamo da tanti anni, mi rendo conto della situazione,le farei volentieri la sterilizzazione tubarica. Purtroppo, come le dicevo è vietato, non si può, e allora, invece del parto spontaneo facciamo un cesareo, io svelto svelto le lego le tube, non se ne accorge nessuno in sala operatoria, non lo scriviamo, e siamo contenti tutti".

Ti riconosci? Eri pronta a fare il tuo parto spontaneo, a rimetterti in piedi subito, e prendere in braccio il tuo bambino senza problemi? Solo che questo bambino non era stato proprio programmato del tutto... la pillola ti fa venire l'emicrania, la spirale l'hai espulsa, lui il preservativo non lo vuole mettere e poi... appunto, si è rotto proprio nove mesi fa.

Tu un altro figlio non lo vuoi. Ti hanno spiegato che con il problema che hai (qualunque sia) un altro figlio sarebbe una tragedia. Oppure non lo vuoi. Non lo vuoi. Non ci ripenserai, questo è sicuro. Sei grande, oppure sei malata, oppure di figli ne hai un numero (qualunque esso sia) che per te è abbastanza, ora e sempre.

Allora ne parli con il tuo ginecologo. Gli dici che vuoi eseguire una sterilizzazione tubarica. E lui, come abbiamo visto sopra, ti offre la sua collaborazione, a patto che tu faccia un cesareo con lui. In clinica o in ospedale, è lo stesso, se è in ospedale non chiede soldi per fartelo, ci mancherebbe altro..(che amico!).

Non ha colpa, poveretto, è vietato, vietatissimo.  Ma davvero ? No, no, no... non è vero per niente.

Non solo non è vietato, ma è anche rimborsato dal Servizio Sanitario Nazionale, o Regionale che lo si chiami. E' in DRG, che è la sigla dell'elenco delle prestazioni che si possono fare e mettere in conto al Sistema.

"Dal 1995, con l’introduzione del sistema DRG, è riconosciuta dal Servizio Sanitario Nazionale l’appropriattezza dei ricoveri, sia in regime ordinario che di day surgery, per la sterilizzazione femminile ed è stabilita la valorizzazione economica del relativo rimborso (DRG 362 con codice diagnosi principale V252; procedure 5421 se via laparoscopica o 6812 se via isteroscopica e 6629 occlusione endoscopica tubarica)

Non solo, quindi,  non è vietato ma è stato ritenuto legittimo dalla Corte di Cassazione.

1987 - V Sezione Penale della Suprema Corte di Cassazione (sentenza n. 438, n.15258/85 del Registro Generale) sentenzia che l’abrogazione dell’art.552 c.p. con la legge 194 depenalizza gli atti intesi a provocare incapacità a procreare e pertanto non si giustifica l’uso della norma più generale contenuta nell’art.583 (riferito a mutilazioni del corpo) del c.p. per condannare la sterilizzazione volontaria

1987 - V Sezione Penale della Suprema Corte di Cassazione (sentenza n. 438, n.15258/85 del Registro Generale) stabilisce che l’art.5 (vieta atti sul corpo che cagionino una diminuzione permanente dell’integrità fisica) del Codice Civile poteva essere derogato per via della nuova interpretazione degli articoli della Costituzione Italiana relativi ai diritti fondamentali degli individui.

Infatti, l’art.5 cc e l’art.32 della Costituzione (la salute quale diritto fondamentale dell’individuo) devono essere interpretati insieme e il concetto di integrità fisica è diverso da quello di salute, essendo il secondo più importante rispetto al primo".

Pertanto è legale causare una riduzione dell’integrità fisica di una persona in modo da proteggere sia la salute fisica che psicologica in particolare quando questo avviene con il consenso dell’interessato.

In questa sentenza, la Corte sostiene inequivocabilmente la liceità dell’intervento di sterilizzazione purché sia subordinato alla maggiore età, la capacità di prestare un valido consenso e il fatto che la persona da sottoporre all’intervento sia, almeno nelle premesse, suscettibile di trarne beneficio e auspica un urgente intervento del legislatore per regolamentare l’intera materia.

Allora? allora niente, non ti far fare il taglio cesareo, partorisci in serenità il tuo bambino, e poi vai fuori dal Lazio per legare le tube. Oppure smetti di prendere quella pillola che ti dà fastidio, togli la spirale, e libera gli anni che ti separano dalla menopausa dall'obbligo della contraccezione. Se vuoi, ovviamente.

Abbiamo preso contatto con il Dottor Massimo Srebot, della Regione Toscana, Ospedale di Pontedera e Volterra, e con il Dottor Antonio Belpiede, dell'Ospedale di Barletta.

Ci stiamo organizzando anche per altri ospedali, abbiamo parlato con medici dell'Umbria e probabilmente si potrà andare anche lì.

In questi due ospedali si esegue solo per via laparoscopica, ma esiste anche un sistema per via isteroscopica, ambulatoriale, praticato in molti Ospedali d'Italia. Per non avere il fenomeno della migrazione per ottenere una prestazione sanitaria molto cara che la propria Regione non offre, chiederemo se è possibile acquistare i microinserti e poi andare in questi ospedali a farli inserire.

Per approfondire:

La sterilizzazione maschile e femminile. Contraccezione

Sterilizzazione. Legatura delle tube

Sterilizzazione femminile (sterilizzazione tubarica)

Sterilizzazione femminile: tutti i metodi

Taglio cesareo per eseguire la sterilizzazione tubarica? Rispondi di no, ti aiutiamo noi

Parto cesareo, informati prima

15 novembre 2014

Pubblicità

Argomenti Correlati

Gravidanza

Sei incinta? Ecco cosa fare. Quali esami in gravidanza e quando, la diagnosi prenatale, le malattie in gravidanza, il parto naturale, l'epidurale e il cesareo. La guida di Vita di Donna, dagli stili di vita all'alimentazione in gravidanza.

I Servizi di Vita di Donna

Ambulatorio delle ostetriche

Richieste urgenti tel. 333/9856046 tutti i giorni, festivi compresi. Siamo inoltre in sede ogni martedì dalle 17,00 alle 19,00.

Aiuto telefonico gratuito

Rispondiamo a qualunque domanda sulla salute della donna, tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 (festivi compresi). TEL. 333/9856046.

Aiuto via email gratuito

Scrivici per una consulenza sulla salute, rispondiamo entro 24 ore.

SoS Pillola del giorno dopo

Puoi rivolgerti al tuo medico di fiducia, ai consultori, al pronto soccorso o alla guardia medica. Chiamaci se hai avuto problemi ad avere la ricetta e ti aiuteremo Tel. 333/9856046

Servizio gratuito attivo tutti i giorni svolto dalle volontarie di Vita di Donna

Dove trovare la ricetta

5x1000 a Vita di Donna
Sostieni il tuo diritto alla salute
97254880582

La gravidanza

Sei incinta o vuoi avere un bambino? Visita la nostra guida alla gravidanza

Primi sintomi della gravidanza, sono incinta?

Periodo fertile, come calcolare l'ovulazione

Hpv Papilloma virus

Tutto quello che è necessario sapere

Anoressia

Il disturbo, la diagnosi, la prevenzione e la cura

Alimentazione, diete e salute

Obesità e sovrappeso, diete, alimentazione della donna in gravidanza e in menopausa, il cibo

Allattamento al seno

Sei hai problemi ti aiuta Gabriella Pacini Consulente internazionale per l'allattamento al seno (IBCLC) Tel. 3339856046 oppure scrivi gabriella.pacini@gmail.com

Cerca il Consultorio più vicino a te!

Orari e servizi offerti